lunedì 18 agosto 2008

Spaghetti saltati in padella al pomodoro fresco e basilico

Spaghetti alla salsa di pomodoro fresco e basilico
originally uploaded by via delle rose

Lascio il mio paese, come tutti gli anni faccio fatica a lasciarmi alle spalle la vista della mia famiglia,della mia casa, della mia strada ancora piena di sole,colore e profumi che porto via nella mia mente. L'ultimo sguardo verso il mare e poi la malinconia comincia a prendere il sopravvento. Tante foto ho scattato, quest'anno, gli anni scorsi era sempre mio marito ad occuparsi di questo. Da che ho scoperto di essere capace di fare clic, di immortalare le immagini intorno a me, faccio foto, dappertutto,e me le porto con me. Lasciamo il paese nelle prime ore del mattino, questa volta l'autostrada sembra più faticosa percorrendola lentamente assaporiamo il profumo del mare, per continuare ad avercelo negli occhi e nella mente. Un lungo viaggio verso l'Umbria dove finiremo la nostra vacanza in un 'oasi di riposo,di tranquillità e di benessere prima di salire definitivamente in Francia. Ci farà bene questa sosta... ci aiuta a riprendere le nostre sembianze di stranieri italiani in Italia, che lasciano gli affetti, l 'emozioni avute nei giorni scorsi ed infine i grandi abbracci di un saluto, di un arrivederci al più presto. E' una sensazione che ho difficoltà a descrivere, non sò se il mio desiderio è di restare o di raggiungere al più presto la nostra casa oramai ricca di altri ricordi e di una vita ben impostata dove incomincio a trovare una dimensione che mi assomiglia, dove i miei bimbi hanno le loro amicizie, la loro scuola, dove mio marito ,cerca di non farmi mancare nulla per sentire meno la mancanza di ciò che lascio dietro di me. Il mio mondo fatto di lavoro, intenso lavoro, di scambi culturali, di colleghe che stimo molto, di una città che sà dare molto a chi sà prenderne gli aspetti positivi, una grande e bella città come Parigi, agli affetti della famiglia di mio marito, molto cari con me, ai miei passatempi preferiti. Tutto questo mi aiuta a riprendere possesso di un'altra vita ben impostata e ben modellata dove mio marito ed i miei figli prendono il posto più importante e mi sento serena, gratificata e rigenerata dopo aver lasciato....... il mare. Tante sono le cose che mi mancheranno, non posso descriverle tutte, sono moltissime e più ci penso e più ho l'impressione di sentirmi mancare la terra sotto i piedi,( scrivo e sono ancora qui, vicino alla grande finestra che mi ha accompagnato durante queste vacanze e tenuto vicino anche a voi.) Tra poco stacco anche la spina del pc....qualche giorno di assoluto riposo e poi si riparte verso il nord. Memorizzo, sole,cielo, aria, profumi e volti di parenti e amici e luoghi ed ogni angolo di questo posto. Dunque, tante foto,nella mia piccola Panasonic ,alcune ricette che non ho avuto il tempo di postare, lo farò da casa dopo essermi ristabilita, dove sò che ci aspetta una temperatura introno ai 14 gradi con pioggia pure...rientro difficile anche in questo senso. Simbolo di queste vacanze restano gli spaghetti al pomodoro fresco, preparati come d'abitudine il giorno della conserva di pomodori,dove si mobilita tutta la famiglia per dare una mano alle già mani esperte di mio padre e mia madre ed alle loro direttive.
My creation
originally uploaded by Mariluna
Mi sembra del tutto banale dare la ricetta del piatto più famoso nel mondo, giusto per una correttezza descrivo velocemente il mio modo di preparare gli spaghetti con la salsa fatta da mia madre, utilizzando la polpa di questi pomodori carnosi, passati, in una padella con dell'olio d'oliva extra vergine e qualche spicchio d'aglio che fa rosolare intero, aggingendo la salsa, del sale e per aromatizzarla un rametto intero di basilico dove incominciano ad apparire i fiorellini bianchi che racchiudono i semini della pianta, si lascia andare la salsa a fuoco medio per pochi minuti. Intanto, gli spaghetti cotti al dente, si tuffano direttamente nella padella con la salsa,dove si fanno saltare per un minuto a fuoco vivo. Quanche fogliolina di basilico fresco e volendo, per gli amatori del piccante , naturalmente del peperoncino colto direttamente dalla pianta.
My creation
originally uploaded by via delle rose

37 commenti:

Ciboulette ha detto...

Cara Patrizia,
come hai saputo descrivere bene la tempesta di sensazioni che devi provare in questo momento, e che forse continui a provare anche ora che sarete in macchina, gia' in viaggio....

Per me e' una strana e bellissima sensazione ricordare quella finestra, il tuo portatile e..queste bellissime foto viste in anteprima!!! :))

La tua bellissima famiglia sapra' compensare questa piccola scia di nostalgia per il tuo paese ed i tuoi cari....

Ti abbraccio forte, ed ora...buon relax!!!!!!!

Simo ha detto...

Che meraviglia il "rito" della conserva di pomodoro!!!
Fa parte delle nostre belle tradizioni Italiane del sud, partecipa tutta la famiglia, è un evento quasi magico, anche se tanto faticoso......
...porta tutte queste belle immagini dentro di te; queste, insieme ai loro colori, profumi e sapori ti accompagneranno per l'inverno che verrà.....
Buon rientro a casa!

Fra ha detto...

DEve essere veramente strana l'emozione che provi. Il ritorno alla tua vita "normale" assieme alla famiglia che hai creato, lasciando però una parte importante di cio' che sei...Bella la ricetta, un grande omaggio alle tue radici e all'Italia.
Volevo salutarti perchè finalmente mercoledì partirò per le vacanze. Ci si rilegge a metà settembre.
Un bacione tesoro e buon rientro
Fra

Mammazan ha detto...

Carissima
che dolce malinconia nelle tue parole !!E quanto bellesono le immagini che accompagnano la tua semplice eppure bellissima ricetta.
E' proprio in questi sapori, una forchettatta di pasta ,pomodoro fresco appena appassito nell'oilo e poi il basilico....
Ma tu torni contenta a casa ne sono certa, con te c'è la tua famiglia adorata e ti aspetta una realtà bella e gradevole anche se un pò frescolina e con poco sole.
Ma tu il sole ce l'hai nel cuore
un bacio
Grazia

Rorò ha detto...

Ciao! è la prima volta che scrivo qui da te.
Immagino quanto sia difficile lasciare la nostra Terra (sono anch'io della provincia di Cosenza), i luoghi che t'hanno vista nascere, crescere e diventare quella che sei oggi.
Hai descritto le tue emozioni in modo talmente magico che m'è sembrato, leggendo, d'avere anch'io la valigia in mano ed un treno ad aspettarmi.
E poi rivivo dalle tue foto quella che è sempre stata, da piccola, una tradizione immancabile dell'estate...un modo per sentirsi grande (a noi bambine toccava mettere le foglioline di basilico fresco nelle bottiglie. Oggi, forse, si vive tutto come una fatica ma la bontà di un piatto di spaghetti con il sugo dei nostri pomodori è davvero impareggiabile.

Buon rientro a casa!
A presto.
Rorò

FairySkull ha detto...

La meglio cosa, pommaro' fresca con gli spaghettini !!!!! CaiO lisa

Anonimo ha detto...

Quanti ricordi hanno innescato nella mia memoria le tue parole!
anche mia nonna faceva la conserva di pomodoro d'estate!
e noi bambini attorno al tavolo ad aiutare e osservare i suoi antichi gesti...
anche se penserai nostalgicamente a queste vacanze, ti farai forza perchè come ha scritto mammazan tu hai il sole dentro!
felice ritorno a casa!
leucosia.

Polinnia ha detto...

che malinconia lascaire la calabria, capita anche a me che non ci sono nata, ma sento forti le mie radici! un bacio e ricorda che la porti nel cuore...e coi sapori ne porti anche un po' in francia!!!

Saretta ha detto...

Cara Mariluna...
come ti capisco!Il termine delle vacanze e ogni volta che lascio la casa dei miei per ritornare a Milano mi causa sempre sofferenza...forse avverto la fine del disincanto, della spensieratezza e leggerezza estate od il semplice distacco daluoghi o persone a noi cari.
La prospettiva di una bella famiglia però è certamente una consolazione più che ottima!
Sento quai il profumo della tua conserva...
Un abbraccio!
saretta

Susina strega del tè ha detto...

Le ricette più semplici, in fondo sono anche quelle che ci emozionano di più, come vedere la foto della preparazione della passata di pomodoro, ricordi dolci dell'infanzia.......buon rientro....

emilia ha detto...

Che bella sei ! Dolce e forte nello stesso tempo, che emozioni forti sai trasmettere anche solo con il pc. Buon rientro cara, anzi no.....buon tutto !! Un bacio grande :)

Arietta ha detto...

è la semplicità che fa di questo piatto pura poesia...i profumi di ingredienti freschi e ben selezionati, la genuinità del preparato, i colori vivaci e che si risaltano l'un l'altro in perfetta armonia cromatica!
mi duole tantissimo non aver mai vissuto questo rito che invece descrivi con tanto calore e tanta nostalgia,mentre torni verso la tua attuale casa...che custodisce però anch'essa parte del tuo cuore e del tuo vissuto. E' una dolce malinconia quella che leggo nelle tue parole...senza sofferenza...solo consapevolezza di quello che hai vissuto e vai di volta in volta lasciando alle spalle. Un abbraccio cara!

Lalla84 ha detto...

Complimenti per la capacità di esprimere a parole il turbinio di emozioni che ti sta travolgendo...quanto alla ricetta: classica ma buonissima!!! E che bello fare la conserva...mi ricorda la mia vicina di casa quando ero picccola che la faceva in giardino!

cibercuoca ha detto...

Ho la stessa sensazion quando torno a casa dopo stare insieme a la mia famiglia, ne l mio paese.
Grazie per le fotografie, sono bellíssime, i pensieri , la ricetta, semplice , buona.
Baci

Geillis ha detto...

hai la fortuna di poter vivere, estate ed inverno, in due posti meravigliosi! Credo che il posto in cui si vive conti moltissimo,la bellezza in qualche modo ti passa dentri, ti arricchisce: tu puoi spaziare da Parigi al tuo bellissimo mare, fortunata!
Anche se capisco che lasciare la propria famiglia sia doloroso...

Ben tornata, un abbraccio

SiLviA ha detto...

Sarà anche semplice, ma è uno dei piatti più buoni del mondo! :P Capisco la tua sensazione, anche io la vivo sempre, ma in fondo credo che sia anche bello seminare la propria casa in giro per il mondo e tornare nei posti in cui si è vissuto e riconoscercisi ogni volta. Io cerco di pensarla così e lasciare da parte la malinconia. Buon ritorno! Silvia

Dolcezza ha detto...

Che post meraviglioso hai scritto! Hai saputo rendere alla perfezione quello che provo anche io quando lascio la nostra casa al mare e la mia famiglia per tornare a casa, certo sono piu' vicina (pero' io non abito nella citta' piu' bella del mondo uffa! :) ) ma vedere la casa che diventa sempre piu' piccola è sempre una cosa che mi addolora...

Marilì ha detto...

E' una cosa che ancora mi lascia di stucco, 'sta qua, il fatto che pluf, cado in un blog mai visto prima, leggo cosa ha scritto una persona che non conoscevo fino a un attimo prima e che ancora non conosco e, clic, scatta qualcosa, ma non è un obiettivo di macchina fotografica, è un piccolo movimento dell'anima.
Grazie Mariluna, penso che ti verrò a trovare spesso...

Aiuolik ha detto...

Anche se (sinora) non ho avuto esperienze simili sulla mia pelle, avendo tanti amici emigrati so un po' anche io che cosa vuol dire...ma l'importante è avere sempre una casa a cui ritornare, una famiglia che ti vuole bene e parenti e amici da andare a trovare appena si può.
Ciaooo,
Aiuolik

NIGHTFAIRY ha detto...

Sei dolcissima, posso immaginare come ti senti..la conserva di pomodori poi mi fa venire in mente mio nonno!ogni estate era u rito :) Avevamo un pentolone gigante, come un calderone delle streghe, nero nero..un lungo bastone di legno, e poi schiaccia, passa, raccogli, imbottiglia e sterilizza..eheh..sono cambiate tante cose da quando nonno non c'é più..Un bacione!
Ah..me lo offri un piattino di spaghetti, vero? :-p

Precisina ha detto...

E' sempre un piacere perdersi nel tuo garbo! E hai reso perfettamente l'idea, sei umana, vera... tutto quello che provi ti fa onore... e una vita serena, a parigi o altrove, te la meriti... ma tanto lo sai che chi costruisce, raccoglie sempre! A proposito di costruire, ma queste ultime ricettine, yum yum!!!
p.s. grazie per la pizza e per l'esposizione del logo!!!

essenza di vaniglia ha detto...

Quanta delicatezza in questo racconto! è sempre un vero piacere imbattersi in persone come te!
il rito della conserva dei pomodori è, anche per me, un caro ricordo dell'infanzia... quel profumo e quel sapore di fine estate!
buon ritorno nella splendida paris!

Viviana ha detto...

mamma mia come ti capisco!! succede anche a me ogni volta che parto da Palermo!
favoloso il rito della salsa :D quanti ricordiiii!!
un bacio grande grande grandissimo

nino ha detto...

Ciao,
già, ogni volta che si parte, si vivono delle senzazioni particolari.
Ottima la spaghettata.
Quando puoi, vieni a ritirare un premio.
CIAO
Nino

Luca and Sabrina ha detto...

Allontanarsi da casa, dal calore di chi ami strappa l'anima, ma ti porti dentro e sulla pelle tutto quanto! Ce l'hai negli occhi e dentro ogni sorriso! Hai scattato delle bellissime foto, sanno di amore, sei riuscita ad inscrivercelo dentro, guardiamo la foto degli spaghetti e ci vediamo tanto altro!
Un bacio da Sabrina&Luca

Mirtilla ha detto...

ed eccomi rientrata!!!
quanto mi sono mancate le tue prelibatezze!!!
ottimo piatto,complimenti e bacioni

AndreA ha detto...

La buona cucina non va mai in ferie eh? :-)

Un abbraccio, a presto!! :-)

eleonora ha detto...

Coucou...Je viens de lire rapidement ton billet..si tu le permets je reviendrai le lire plus longuement car là je vais sortir...C'est fou les mots que tu mets dedans...tu me donnes la chair de poule de beaux sentiments...je te rassure....alors à bientôt bellissima...

Mirtilla ha detto...

ho un bel premio per te ;)

salsadisapa ha detto...

ciao mariii!! su con la vita: nessuno mai ti porterà via i tuoi ricordi e i tuoi sentimenti :-))
anche noi a casa "facciamo i pomodori" ahahah :D è un rito annuale immancabile! e la pasta fatta così è praticamente la bandiera italiana :) baci!

Morettina ha detto...

Eccomi!!!! ^__^
Le mie ferie stanno giungendo al termine :-(((
Comunque i blog mi danno gioia... e che dire di questo piatto?...Se leggi nel mio profilo io adoro gli spaghetti al pomodoro fresco e basilico!!!!!!
Un bacio

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

Il vero sapore di casa!!! Piatto unico al mondo! Che lavoro le conserve, bellissime foto! Buon fine settimana!

eleonora ha detto...

Me revoilà...et je viens de m'imprimer ton texte pour mieux le lire...C'est vrai que quand tu écris cette avancée dans le temps, c'est ce qu'il y a de plus terrible. Malheureusement les années passent.Tu as la joie de faire les photos toi-même et sache c'est un plaisir fou à la longue. Et si tu remarques bien avec cette envie, ton oeil capte des choses que les autres ne voient pas. Magique de sentiments, magique d'attendre de voir les photos sur l'écran, magique que tu t'améliores et c'est réussi.Je comprends aussi qu'il y a un vide à un retour de vacances...et la petite famille que tu as faite à deux, c'est merveilleux aussi d'être à 4. Ton billet me touche beaucoup et tu parles de cette Italie que je connais bien. Mes souvenirs sont toujours là, malgré les années. Tu es adorable. Je pourrai écrire et écrire sur elle, mais bon...Merci de te connaitre et zou, bravo per la tua pasta fata con amore della nostra bella Italia....à bientôt avec plaisir.

elga ha detto...

Ciao Patty, faccio una capatina prima di partire, questo post mi piace molto, la semplicità di un piatto italiano abbinato alla tradizione italiana e al senso di famiglia, brava, riesci sempre a trasmettere grandi emozioni, ti abbraccio fortissimo, a presto, elga

a.o. ha detto...

qundo il blu del mare comincia a sbiadire, riaccendi il profumo della tua terra e affonda il tuo naso in quell'immancabile, insostituibile, prezioso vasetto di origano che all'improvviso, come per magia, azzererà ogni chilometro.
con affetto
a.o.

Claud ha detto...

Uh, che nostalgia (ma sono felice di non farlo più... che complessità, l'animo umano!): tutte le estati della mia infanzia terminavano con il pomodoro da imbottigliare... poi la fiera... e alla fine la scuola!

(Rassicurami: le porzioni a casa tua sono più grandi vero? Quel piatto di spaghetti mi mette fame... ma è piccolo!!)

Ciao!

Mariluna ha detto...

@claud...molto più consistenti sono i piatti di pasta, specialmente gli spaghetti...vuoi mettere? era solo una questione scenografica.

Si è verificato un errore nel gadget