venerdì 4 settembre 2009

Cipolline allo sciroppo di Anna

Cipolline allo sciroppo
Version française de la recette en bas
Anna é una donnina minuta, poco più piccola di me e forse della mia stessa età, forse!. Io me la ricordo da sempre, io ero piccola e lei era già cosi', come la vedo ora. Io andavo da lei, anzi nella fattoria dei suoi genitori, a pochi passi da casa, per prendere il latte di capra, era per mio fratello di pochi mesi, intollerante al latte vaccino. Andavo tutte le mattine,con la bottiglia di vetro e lamentandomi, non so' perché, ma ricordo che brontolavo lungo la piccola strada non asfaltata, piana di sassi e fango quando pioveva. La guardavo Anna, mentre piccolina mungeva le capre con sua mamma vicino che la sorvegliava. Anna non ha terminato gli studi, Anna ha scelto di aiutare i sui genitori nella fattoria dove ancora oggi continua a mungere le pecore e le mucche e a coltivare la "terra", campi di cipolle, le magnifiche cipolle di Tropea. Oggi Anna é una donnina tenera, con gli occhi piccoli infossati ma luminosi e nerissimi come i sui lunghi capelli ricci e la pelle sempre scura e rigata, lavora al sole Anna.

Anna ci ha visti passare, davanti casa sua, era sul ciglio della porta, ci riconosce, ci chiama. Noi appena tornati dalla spiaggia, sudati, accaldati dal sole e dal caldo afoso;...ci fà cenno con la mano, ci invita ad entrare a fare una sosta a casa sua, dove ancora c'é la tavola apparecchiata di un dopo pranzo domenicale con tutta la famiglia. Ci offre da bere, dell'acqua fresca, un latte di mandorla, ci fà il caffé, un biscottino, un'aranciata. Anna voleva darci tutto cio' che più poteva per ristorarci da quel caldo afoso. Anna, quel pomeriggio caldissimo di agosto, aveva fatto le cipolline in agrodole, le cipolline piccole di Tropea, quelle che tutti, in paese ormai, conoscono bene perché lei, Anna, le prepara da sempre in questo modo e poi le regala. Tutti in paese sanno fare le cipolline in agrodolce ma quelle di Anna sono più buone di tutti.Tutti conoscono il sapore delizioso di questo sciroppo agrodolce che solo Anna sà fare cosi bene e.....che fortuna!!!!...mi dà la ricetta.

Cipolline allo sciroppo
Cipolline di Tropea allo sciroppo di Anna
(Anna dice che bisogna fare almeno due chili di cipolline perché la dose é quella giusta, ed io vi do' le dosi che mi ha consigliato Anna.)

2 chili di cipolline pulite
mezzo litro di aceto di vino bianco
1 bicchiere di olio di semi
2 bicchieri di acqua
100 g di zucchero
2 cucchiai di sale
Dopo aver pulito e lavato bene le cipolline, preparate lo sciroppo ,in una larga pentola. Mettele l'aceto,l'acqua,lo zucchero, l'olio ed il sale. Portare ad ebollizione e versarvi le cipolline. Mescolate bene e fate riprendere il bollore. A questo punto contate 3 minuti, non di più, e togliete le cipolline mettendole direttamente nei vasi di vetro sterilizzati, versate sopra lo sciroppo fino a coprirle e chiudete ermeticamente. Mettete i vasi testa in giu' e lasciateli raffreddare completamente copertida un panno pulito. Il giorno dopo, riporre i vasi in luogo fresco e al buio. Si possono già gustare dopo tre giorni. Conservare per un anno.

Nota: Al posto delle cipolline di Tropea s possono usare degli scalogni o delle cipolline bianche.


Version française
Cipolline allo sciroppo
Petits Oignons rouges au sirop d' Anna

2 kg. des oignons nettoyés
demi-litre de vinaigre de vin blanc
1 tasse d'huile végétale (environ 120 g.)
2 verres d'eau (environ 250g)
100 g de sucre
2 cuillères à soupe de sel


Après avoir nettoyé et lavé les oignons, préparer le sirop, dans une grande casserole. Verser le vinaigre, l'eau, le sucre, l'huile et le sel. Porter à ébullition et verser les oignons. Remuez bien. Porter à ébullition pendant 3 minutes, pas plus, et retirer les oignons en les mettant directement dans des pots stérilisés, verser le sirop très chaud et les couvrir complètement.. Placer les bocaux à l'envers les recouvrir d' un chiffon propre et laissez-les refroidir complètement . Le lendemain, stocker les bocaux dans un endroit frais et sombre. Vous pouvez profiter à goûter cette delice après trois jours. Conserver pendant un an.
Note: à la place des petits oignons rouges (difficile à trover sur le marché parisian) vous pouvez utiliser des échalote au de petites oignons blanche

24 commenti:

fiOrdivanilla ha detto...

mi è venuta una piacevole pelle d'oca per questo raccontino, per la breve storiella.. quanto mi piacerebbe avere come vicina di "campagna" una personcina come Anna.. che donna deliziosa dev'essere.

ricordi che facevi la stradina lamentandoti e dci si non sapere il perché... ma io scommetto che quelle volte che ti lamentavi erano proprio i giorni in cui pioveva e la strada - non asfaltata - era piena di sassi e fango .. :)

la ricetta di queste cipolline mi piace veramente tanto, non mi verrà mai come quella di Annina, però uno ci mette tutto l'impegno che può! Son certa che una cosa in particolare fa sì che quelle di Anna siano le sole e speciali ad avere un gusto così, rispetto a tutte le altre che fanno in paese: l'amore. Che non è l'amore per l'impegno impiegato, ma un amore diverso, più profondo: quello che si ha per una ricetta quando questa fa parte in qualche modo della propria famiglia, soprattutto se è stata creata da lei stesa oppure, ancora di più, se le è stata tramandata..
grazie per averla condivisa:)

Mariluna ha detto...

@Fiore...Anna mi ha raccontato di esserci riuscita semplicemente per smaltire il carico di cipolle che non riuscivano a vendere...un giorno per caso, la cosa che mi sorprende é che queste cipolline per me sono tesori e, alcuni, certe persone, invece che comprarsele da Anna, gliele chiede perché sanno che Anna le regala facilmente...e sempre con un sorriso.

Lacrima ha detto...

che belline sono :) e tentente! ma forse non ho capito io, mi aiuti per favore a capire come vengono utilizzate? grazie :)

la storiela e stupenda. complimenti! l'ho assaggiato ugualmente al preparto che ci hai presentato :)

Mariluna ha detto...

@Lacrima...semplicemente mangiate servite come antipasti, possono accompagnare insalate fredde o anche patate lesse o verdure..insomma in mille modi con l'aiuto della fantasia. Grazie per la domanda! Bacio

Barbara ha detto...

Siamo stati fortunati anche noi, ad avere te che hai realizzato e ci hai proposto una ricetta così deliziosa, grazie!

La Table De Nana ha detto...

Que c'est beau! je dois en faire!!

Onde99 ha detto...

Mi sono quasi commossa leggendo la storia di Anna, di questa donna piccola, ma forte e generosa... e mi hai davvero messo voglia di renderle giustizia, riproducendo la sua ricetta, chissà se le trovo, qui, le cipolline rosse di Tropea, in genere trovo solo quelle grandi...

Sandra Firenze ha detto...

Sto raccogliendo idee per i regali di Natale e questa mi sembra davvero buona. Salvata in doc. "lista regali Natale - sezione sottovetro" Sulle etichette scriverò "Le cipolline di Anna di Tropea" mi sembra carino e originale! Non verranno proprio come quelle di Anna, ma cercherò di renderle giustizia!
Ciao e grazie
Sandra

lise.charmel ha detto...

mi piace tanto venire sul tuo blog: trovo sempre delle belle storie (questa è particolarmente dolce) e delle preparazioni mai noiose, perfino per una come me che non ama le cipolle

Marina ha detto...

Che bella storia... Che persona dolce!
Anch'io temo di non trovare qui le cipolline fresche... Peccato!
(ros)marina

manu e silvia ha detto...

Buone le cipolline preparate in questo modo! il classico gusto agrodolce ch eci piace tantissimo!
un bacione

lenny ha detto...

Una descrizione intensa e bellissima, tanto da farci conoscere l’essenza di questa donna sensibile, dall'animo nobile e dedita al lavoro ed alla famiglia
Non conoscevo questo tipo di preparazione che però mi piacerebbe replicare per gustare le mitiche cipolle.
Le foto sono bellissime e stuzzicanti
Buon fine settimana con la tua bella famiglia :))

dada ha detto...

Un po' di brividi nell'immaginare Anna, i gesti, gli incontri, il caldo...adoro i tuoi racconti. Se poi è una ricetta segreta, ancestrale con le cipolle di Tropea (le mie preferite) sono definitivamente conquistata. Buona serata cara!

Elga ha detto...

Conoscere questa signora Annina sarebbe un'esperienza fantastica, di quelle arricchenti! La ricetta è da trascrivere nell'agenda delle ricette di vita!

eppifemili ha detto...

non so come hai fatto ad infilare tutte insieme alcune fra le cose che preferisco....

hi hi!
risultato: ciò una fame ciò!

Mariluna ha detto...

@eppifemili....infatti queste cipolline stuzzicano la fame...grazie della tua visita :-)

@Elga...trasmette tanta serinità a conoscerla forse un gionro te la presentero'. ;-)

@Dada...grazie mille, buona serata anche a te :)

@Lenny....mi piacerebbe fartela conoscere Anna, le cipolline, le tue, presto subiranno la stessa fine.Grazie di cuore

@gemelline...sono una delizia che non ho saputo resistere a farle subito io adoro l'agrodolce.Grazie!

@Marina...puoi fare questa conserva anche con gli scalogni o con cipolline bianche il prodotto finale é buono ugualmente. Grazie!

@Lise...ti ringrazio moltissimo per quello che scrivi, gentilissima e carinissima tu :-)

@Sandra di Firenze....città che adoro dove abiti e che ho visitato proprio poche settimane fà...mi fà molto piacere che tu abbia incluso queste conserve deliziose come regali di natale, é un'ottima idea che ti rubero'...grazie mille :-)

@Ondina....forse sarà difficile trovare quelle piccole in questo periodo, in genere sono le prime che vengono raccolte piccole cosi', ma si possono fare anche altre qualità di cipolle, come gli scalogni o quelle bianche che provero' anch'io quanto prima. Grazie mille :-)

@La Table de nana...Merci beaucoup!!! ^____^

@Barbara...ho subito pensato di fare questo regalo an chiunque potesse leggermi é una ricetta che non potevo non darvene lettura e spero possiate realizzarla perché ne vale la pena per chi ama le cipolline. Grazie :-)

Mamina ha detto...

Trop beau pour commencer. Vraiment tentant. En route pour acheter des oignons au marché ce matin.

Mariluna ha detto...

@Mamina...bonne route allor...ici les oignos rouges son presque introuvable...merci et passe en très bon we!

Elena ha detto...

è una fortuna per noi avere te che ci fai condividere la ricetta della dolce Anna....certo che dalla tua calabria vieni proprio carica carica di esperienze che riporti in maniera suggestiva nei tuoi racconti e nelle tue ricette!!

virgikelian ha detto...

Bonjour Mariluna, grazie di renderci partecipi dei tuoi momenti di vita sempre così
toccanti. Quanto alle cipolline allo sciroppo di Anna, "dolce creatura", penso che sia proprio una ricetta preziosa da tramandare; se non troverò le piccole di Tropea
farò con le bianche. Un bacio.

Mariluna ha detto...

@Elena...é varo dalle vacanze arrivo carica di prodotti della tradizione e visto che per un'anno mi mancano mi faccio scorte poi il più grabde piacere é di condividerle.Grazie!

@Virgi...questo sciroppo và benissimo anche con altre verdure che si vuole conservare per l'inverno, anche, certo le cipolline bianche sono ottime. Grazie mille della tua visita :-)

katty ha detto...

buonissime le cipolline preparate in questo modo!!! buona domenica!!!

Mirtilla ha detto...

mi unisco a fiordivanilla,questo racconto e'delizioso perche'reale e sentito ;)
baciotti

Fra ha detto...

il racconto è dolcissimo. E' bello e confortante sapere che ci sono ancora persone che dedicano la propria vita alla terra, un atto d'amore incondizionato. E la ricetta è dono prezioso, grazie di averlo condiviso con noi
Un bacio
fra

Si è verificato un errore nel gadget