giovedì 29 gennaio 2009

Insalata di fagioli e cipolle di Tropea e pane toscano

Insalata di fagioli bianchi e cipolla rossa di Tropea con pane Toscano


Mio padre dice: " uhhmmmm le cose si mettono male mi sà che ci tocca mangiare pane e cipolle". Ho spesso sentito questa frase nei momenti di difficoltà economica nostra, certi periodi, e di crisi generale più ampia, crisi economiche annunciate dai giornali, come quella attuale tanto per!!!!! Ma la frase detta da mio padre viene di sicuro da un dato di fatto, quando sfamare una grande famiglia come quella avuta dai miei nonni, negli anni del dopo guerra, era davvero un'impresa quasi impossibile. Pur essendo un commerciante mio nonno, la fame , in quella grande famiglia, l'hanno dovuta affrontare e le uniche ricchezze erano quelle raccolte nel loro piccolo orticello, dove le cipolle non mancavano e le cicorie, le patate e i fagioli , che venivano conservati e riversati preziosamente per l'inverno. Mi ricordava molto spesso, mio padre e mia mandre ancora di più, proprio di questo loro dividersi il pane fatto dalla nonna, quando era possibile avere la farina, in quantità e indurirlo, farne delle freselle per essere consumato poco per volta. Questa frase mi é saltata in mente quando ho letto della raccolta di Precisina, Poveri ma belli, ricordando un piatto povero che oggi, per le sue qualità gustative e per la sua storia assume decisamente un valore impareggiabile ad altri. Ho potuto preparare questo piatto, sfruttando l'occasione dopo aver ricevuto un piccolo pacco inviatomi dalla mia famiglia, conteneti le cipolle di Tropea (coltivazione personale di mio padre) ed un sacchetto di fagioli cannellini secchi...mia mamma sà quanto ci piacciono. Inoltre ero, giusto appunto li' li' a sperimentare la ricetta del pane toscano di Paoletta, ricetta ben dettagliata sul suo blog...pane che adoro perché senza sale perché mi ricorda l'estate toscana perché mi é venuto davvero bene e il modo migliore per gustarne la fragranza era proprio questa zuppa fredda di fagioli, cipolle e olio extra vergine d'oliva.



Partecipo con questa ricetta povera all'iniziativa Poveri ma belli di Precisina.
E proprio da pochi giorni anche Susina la cara e simpaticha streghetta inizia la sua racolta di " Salad " e questa di insalata trattasi , partecipo anche alla sua raccolta.



Ingredienti:
  • Una cipolla di Tropea o una cipolla bianca dolce
  • 200 g. di fagioli cannellini già cotti. (ammollati 12 ore la sera prima e cotti con il metodo tradizionale in una pentola di coccio, a fuoco lento e senza sale)
  • olio extra vergine d'oliva
  • sale (ho usato la fler de sel) pepe
  • crostini di pane Toscano fatto da me (ho utiliazzato per realizzare questo pane della farina semi integrate la ricetta se vi interessa la trovate passo passo da Paoletta- troppo brava lei!!!

Dopo aver cotto i fagioli, facendo attenzione alla cottura che deve essere dolce in acqua non salata e per circa 3/4 d'ora, per non raccoglierli in una purea, scolarli dalla loro acqua di cottura e sistemarli in un piatto , tagliare la cipolla ad anelli, dopo averla lavata ed asciugata,e sistemarla sui fagioli ancora caldi, salare, e condire con abbondante olio d'oliva e una manciata di pepe nero. Va benissimo anche un peperonino piccante. Gustare l'insalata tiepida con i crostoni di pane Toscano.

Pane toscano





En Français, S'il vous plait

Insalata di fagioli bianchi e cipolla rossa di Tropea con pane Toscano
Salade des haricots blanc et oignon de Tropea

(recette "pauvre" qui fait partie le la tradition culinaire et culturelle de l'Italie du sud.)

Ingredients:

  • 1 oignon rouge de Tropea
  • 200 g de haricots blanc cuits
  • Huile d'olive vierge extra
  • fleur de sel
  • poivre du moulin
  • tranches de pain de campagne (la recette du pain de campagne fait maison vous la trouverez ici)


Faire cuire les haricots blanc sec, aprés les avoir trempé toute une nuit dans un bol d'eau tiède , dans un gros volume d'eau froide pas salé à feu doux, environ une heure. Les egoutés et les passer sous l'eau froide pour arrêter la cuisson. Vérifiez qu'ils ne sont pas trop cuits pour ne pas faire de la purée. (autrement, achetez-les en boites!!!!!). Coupez les oignons en rondelles et mélangez-les aux haricots dans un plat de service avec un bon filet d'huile d'olive extra Salez avec la fleur de sel et poivrez. Servir avec des tranches de pain de campagne grillé

Insalata di fagioli bianchi e cipolla rossa di Tropea con pane Toscano





martedì 27 gennaio 2009

Pudding alla zucca e cranberries

Pudding alla zucca e cranberries


Ammiro moltissimo questo blog, per la bellezza delle foto, per le ricette molto interessanti e ben descritte, per l'autrice che scrive le sue pagine comunicando raffinatezza, gentilezza, delicatezza, in una parola "classe". Mi sono affezionata a Rosa da che l'ho "incontrata" su flickr, ammirando le sue foto e poi seguendo le sue pagine. Rosa's Yummy Yums viene a farmi visita con discrezione e puntualità ,lasciandomi commenti sempre deliziosi. Pertanto ,ricambio molto volentieri la sua cortesia, immergendomi nei sui racconti e prestando molta attenzione ai sui consigli perché lei riesce a fare di una ricetta un vero dizionario di informazioni, descrivendone chiaramente le fasi di preparazione.

Molte delle sue ricette stimolano la mia fantasia e mi intrigano molto, tanto da tentare di riprodurle nella mia cucina. Una di queste é il Pudding alla zucca ,dal primo impatto guardando le foto golose mi son detta che avrei dovuto assolutamente tuffarci un cucchiaio e non c'ho messo tanto a farlo. Ho preso spunto della ricetta descritta da Rosa nelle due versioni, inglese e francese , lasciando invariata l'esecuzione di base, ho dimezzato le dosi e ritoccando poco i profumi, inserendo al posto dell'uvetta passa il sacchetto intatto di cranberris ancora in dispensa , ricreando una nuova veste e forma al dolce tanto famoso nel Regno Unito. Mi piace molto preparare il pudding e gustarlo, con accanto una buona tazza di tè, mi piace ancora di più.


Con questo post, voglio anche ringraziere tutti e tutte quelle che mi hanno assegnato dei premi e a qui mi ha invitato al meme dei buoni propositi....vi chiedo scusa per essere, questi ultimi tempi un po' negligente nei compiti, troppo indaffarata ad affari di famiglia e lavoro che prendono molto spazio nella vita giornaliera. Vorrei tanto dedicarmi di più a salutarvi uno per uno e ringraziarvi, quando posso vengo a farvi visita e mi dispiace molto perdere i vostri racconti, che mio malgrado non riesco a leggere tutti....spero, sempre di trovare sprazzi di tempo tra una faccenda domestica ed un impegno di lavoro...perché é tanto l'interesse che nutro per tutti voi e l'affetto che provo voglio dimostrarvelo proprio inserendo nel mio planning culinario ricette vostre che postero' mano a mano. Con affetto Mariluna


Pudding alla zucca e cranberries



Ingredienti per circa 6 persone

  • 120 ml di panna
  • 120 ml di latte
  • 200 g di purea di zucca (cotta al forno e mixata)
  • 60 g di cassonade zucchero grezzo di canna dal gusto di caramello
  • 1 grosso uovo
  • 2 cucchiaini di cannella
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 200 g. di pan carré di qualche giorno
  • 50 g di cranberries (piccole bacche rosse coltivate in grande quantità in Canada, ricche di vitamine e antiossidanti )o di uvetta passa bionda

Riscaldare il forno a 180°C. Battere con le fruste, la panna,il latte, l'uovo, la purea di zucca, lo zucchero, la cannella e l'estratto di vaniglia.Incorporare i cubi di pancarré all'impasto e aggiungere i cranberries. Mescolare bene. Imburrare uno stampo da charlotte e versarvi l'impasto. lasciare riposare 15 minuti. Cuocere il Pudding in forno per circa 40 mm, verificare la cottura con gli stecchini. Servire tiepido. Non preparato il caramel come é nella ricetta originale perché l'ho trovato già abbastanza consistente ed era anche molto morbido.!!! Era buonissimo!!!!!!!


En Français, S'il vous plait



Pudding alla zucca e cranberries



Pudding au potiron et Cranberries


Ingrédients pour un moule à charlotte pour 6 personnes

  • 120 g de créme épaisse
  • 120 g de lait
  • 200 g. de purée de potiron (cuite au four et mixée)
  • 60 g de sucre cassonade
  • 1 oeuf gros
  • 1 càc de cannelle moule
  • 1 càc d'extrait de vanille pure
  • 200 g de pain de mie rassi coupé en cube
  • 50 g de cranberries ou de raisins clair

Préchauffer le four à 180°C.


Préchauffer le four à 180°C. Battre ensemble la créme,le lait, la purée de courge, le sucre cassonade, l'oeuf, la cannelle et l'extrait de vanille. Incorporez les cubes de pain rassis au mélange liquide et ajouter les cranberries ou le raisin. Bian mélanger. Mettre l'appareil dans un moule a charlotte bien beurré. Laisser reposer pendant 15 mm. Cuire le pudding pendant 40 minutes, jusqu'à ce que la pointe d'un couteau en ressorte propre. Servez tiède.


Recette prise sur le blog de Rosa's Yummy Yums, adaptée par moi même.

lunedì 26 gennaio 2009

Paccheri impanati con salsa di finocchi e gorgonzola

Paccheri impanati

Com'é che sono arrivata a pensare questa ricetta?, adesso vi spiego tutto,poche righe e vi racconto la storia di questi paccheri impanati.
Ero in macchina, al rientro dal lavoro e, come tutti i giorni, mentre mi diriggo verso la scuola per "ritirare" i miei bimbi, il mio pensiero và alla cena...che faccio stasera??? C'é stato un periodo in cui mi preparavo il menu'...un'idea di menu', perché sono sempre a cambiare, ma almeno gli ingredienti base sono sempre a portata di mano ma se mi salta in testa qualcosa di particolare da sperimentare quell'odorino percepito chissà proveniente da dove, mi da l'idea di fare un qualcosa che non é previsto nel menu'...allora non c'é verso di rispettarlo e vado a cercare l'occorrente per realizzare la mia idea-voglia. Dunque, ritornando alla ricetta, il mio primo pensiero é ,naturalmente, rivolto ai bimbi che ,capita non spesso, ma capita, al loro rientro sono affamati cio' significa che alla mensa scolastica qualcosa non é stato di loro gradimento e per soddisfarli dopo la delusione del pranzo, oltre che a fargli fare una buona merendina devo, voglio, provvedere a gratificarli con un bel piatto di pasta ,a scuola qui é raro che mangiano la pasta, qui la pasta é un contorno.....un contorno...un contorno...e perché no?, allora penso alla pasta come contorno, da accostare ad una cotoletta di pollo o di pesce impanata....impanata....impanata, appunto perché non fare una cotoletta di pasta?...ecco che mi ricordo del magnifico pacco di paccheri di Gragnano...un regalo condiviso con tanta generosità da parte di Elga...colgo l'occasione per ringraziarla affettuosamente...in quel pacchetto c'erano rimasti pochi paccheri, ne avevo già utilizzato a metà per un condimento all'italiana, salsa di pomodoro,pancetta e abbondante parmigiano, quelli che mi restavano erano giusto dieci e che avrei potuto fare solo con dieci paccheri?...ma tentare la mia folle idea di impanare la pasta e mentre "ritiravo" i bimbi, elaboro l'idea.

Il risultato é stato incredibilmente soddisfacente, il formato di pasta di presta benissimo a questo tipo di impanatura. La pasta preparata cosi' puo' anche essere mangiata come le patatine fritte...con meno calorie, presentata come contorno ma anche come ho fatto io con una delicata salsina e poi é molto bella da vedere...decora i piatto ed i bimbi sono rimasti incantati e deliziati ed anche mio marito.

Paccheri impanati con cremina di finocchi e gorgonzola


Per 4 persone

  • 20 paccheri di Gragnano*(v.nota)

  • due uova

  • circa 3 o 4 cucchiai di pangrattato

  • 2 cucchiai abb. di parmigiano

  • un cucchiaino di erbe di Provenza

  • sale e pepe qb

Per la salsa

  • un finocchio

  • 100 g di gorgonzola

  • olio evo

  • sale e pepe

Far bollire i paccheri in abbondante acqua salata secondo le indicazioni del pachetto ( io ho lasciato bollire un minuto in piu' perché lasciandoli troppo al dente, con l'impanatura e poi la doratura in forno si sarebbero troppo induriti). Scolarli e lasciarli asciugare qualche munito su un panno pulito. Sbattere le uova in un piatto largo, aggiungendo un filino d'olio evo. Preparare la panatura mescolando il pangrattato con le erbe di Provenza, un pizzico di sale, pepe e parmigiano grattuggiato. Passare i paccheri prima nelle uova sbattute e poi nel pangrattato aromatizzato. Un una teglia larga rettangolare, ho preparato un foglio di carta forno unto d'olio, ho sistemato i paccheri a fila senza sovrapporli ho versato un pochino d'olio sopra ogni pacchero e li ho passati in forno caldo a 200°C. per 15 minuti da una parte ed altri 15 minuti dall'altra lato, in modo da farli dorare bene da ambo i lati. Intanto ho preparato la cremina, facendo bollire il finocchio, dopo averlo lavato bene e tagliato a pezzetti, coperto di acqua e un cucchiaio d'olio e sale, per circa 20 minuti, quando é abbastanza tenero l'ho mixato con il minipiper ed ho aggiunto il gorgonzola a piccoli pezzetti facendolo sciogliere bene a fuoco dolce. La salsina deve risultare non troppo densa, nel caso aggiungete un po' d'acqua della pasta. Appena i pacheri risultano dorati li ho sistemati sui piatti di servizio e cosparsi di salsina caldissima...buona desgustazione.


*piccola nota
Questo tipo di pasta puo' essere sostituita anche con dei maccheroni grossi o delle penne che si trovano più facilmente in commercio, ho preferito la cottura al forno perché fa parte delle mie cotture preferite, ma credo, e dovro' sperimentare, si possa anche usare una padella con dell'olio e friggere la pasta impanata.

En Français,S'il vous plait

Paccheri impanati su cremina di finocchi e gorgonzola

"Paccheri di Gragnano" pâtes panée aux Herbes de Provence à la créme de fenouil et Gorgonzola

Ingredients pour 4 personnes

  • 20 "Paccheri" di Gragnano de blè ( c'est un format de grandes pâte particulièrement adaptés à ce genre de recette)
  • 2 oeufs
  • 2/3 càs de chapelure
  • 2 càs de parmesan rapé
  • 1 càc des herbes de Provence
  • sel e poivre

Pour la sauce

  • 100 g de fromage Gorgonzola
  • un bulb de fenouil
  • 2 càs d'huile extra d'olive
Bouillir le "paccheri" dans beaucoup d'eau salée selon le mode d'emploi ( j'ai laissé une minute de cuisson en plus vu que lorsque l'on mettra au four le paccheri panés dans la chapelure si la cuisson est trop "al dente" le paccheri risquent de devenir durs!)

Une fois la cuisson des paccheri terminés, les écouler et les étendre sur un torchon propre. Battre les oeufs dans un grand récipient, ajouter un filet d'huile. Préparer à part le mixe pour paner fait en mélangeant la chapelure, les herbes de Provence, le sel, le poivre e le parmesan fin. Plonger les paccheri d'abord dans les oeufs puis dans la preparation pour paner. Sur la plaque à four, où j'ai mis préalablement une feuille de papier à four, je verse mes pâtes sans le superposer, je verse de nouveau un filet d'huile et je mets au four pendant 15 mm encore de maniére à ce qu'elles soient dorées sur les 2 cotes.
En attendant, je prépare ma sauce , je lave soigneusement et je coupe en petits morceaux mon fenouil que recouvre d'eau et que je fais bouillir avec une cuillère d'huile et du sel pendant 20 mm.
Quand le fenouil est devenu tendre je le mixe finement et j'ajoute le gorgonzola en petits morceaux le faisant devenir crémeux, lentement. La sauce ne doit pas être trop dense, si cela est, ajouter un peu de l'rau de cuisson des pâtes.
Lorsque la dorure des pâtes est juste à point, sortir du four et les mettre sur le plat, napper de sauce et servir bien chaud! Bon appétit!!!!

N.B.: Ce genre de pâtes peut être remplacé par des gros macaronis ou des penne qui se trouvent facilement dans le commerce, j'ai préféré la cuisson au four parce que c'est l'une de mes cuisson préférées mais je crois devoir essayé aussi de passer les pâtes panées à la poêle avec un peu d'huile.


giovedì 22 gennaio 2009

La Compagnia del Cavatappi



Un negozio on line, La Compagnia del Cavatappi, con prodotti di qualità, finalmente acquistabili restando tranquillamente a casa, una grande gamma di prodotti selezionati per far piacere alla nostra tavola, non si resta indifferenti di fronte alla l Confettura Extra di Fichi d'India Siciliani o alla Liquirizia di Calabria...io ne so' già qualcosa.

E' un angolo da consultare con interesse per le varie sezioni poste già sulla pagina principale
L' Enoteca, con una vasta selezione di vini, liquori, grappe, birra e Champagne: come queste bottiglie Baby di Champagne brut in confezione da 4, adatte par essere stappate in una serata speciale a due, per cominciare, magari la prossima cenetta di S. Valentino.
La Gastronomia, interessante scoprire la vasta selezione di pasta, e conserve;
ed infine gli Accessori dove si possono scegliere delle cassette in legno bellissime per contenere le bottiglie dei vini pregiati ed offrirli, un magnifico e graditissimo regalo.
Il sito è semplice da sfogliare, chiaro, accessibile, comunicativo. Ci si puo' soffermare sul prodotto interessato e dare un parere, ottimo interscambio con i produttori, l'unico neo...non si puo' uscire dal sito senza non aver acquisto almeno un'articolo, sono tutti di ottima qualità.
La Compagnia del Cavatappi, ha manifestato il suo grande interesse verso il mondo dei food-blogger con questa iniziativa , di promuovere i loro prodotti nei nostri blog di interesse gastronomico. Un nuovo modo per fare marketing che sta divulgandosi sempre più nel mondo del web.

En Français, S'il vous plait



Une boutique en ligne, La Compagnie de Cavatappi, qui commercialise des produits de qualité et une grande variété de produits sélectionnés pour le plaisir de notre palais.
On ne peut pas rester indifférent face à la "Confettura Extras de Figues d'Inde sicilienne ou le Reglise Calabraise" ... J'en sais quelque chose!!!! Ce site est à consulter avec intérêt dans les différentes sections dont une dediés aux vins, liqueurs, Champagnes et bières. Intéressant de découvrir la vaste sélection d'epicerie fine et de pâtes italiennes et, enfin, des accessoires, où on peut choisir de belles caisses en bois pour conserver et offrir de magnifiques bouteilles de vins ; un merveilleux cadeau de bienvenue. Le site est simple à feuilleter, clair, accessible et communicatif.On peut donner une opinion sur les produits, methode idéale pour interchanger des avis avec les producteurs, le seul défaut c'est qu' on ne peut s'empecher d' acheter au moins un article, car ils sont tous d'excellentes qualité à des prix raisonnables. La Compagnia dei cavatappi
,
a exprimé son grand intérêt pour le monde des food-bloggers avec cette initiative, afin de promouvoir la vente directe aux particuliers; Une nouvelle façon de faire du marketing et ceux par sa diffusion dans le monde du Web.


Lasagne al salmone delicate e la cenetta.....dimenticata

Lasagne al salmone con crema di ricotta e rucola

Ho conosciuto mio marito in vacanza al mare, come capita molto spesso, nelle storie d'amore, gli incontri avvengono durante la bella stagione. Quando la mente si rilassa ed il tempo passa sotto il sole cocente e le serate notturne nelle discoteche con gli amici, non ci si puo' che innamorare del bel turista. Poco abbronzato, appena arrivato da un'altro paese straniero, mi viene presentato da amiche comuni, mi ha subito affascinato. Mi ha affascinato la sua sicurezza nel presentarsi, la sua maturità per essere un tantino più giovane di me, il suo accento francese, poche parole in italiano perfetto, il resto molto dialetto e le tante, tante domande , quasi un'interrogatorio, già dal primo incontro e la cosa non mi disturbava. Cercava una Calabrese???....No!!!, cercava un'avventura???....Neanche, solo pura curiosità verso di me per una strana osmosi, per quel fluido che attrae senza rendersene conto subito. Pochi giorni di vacanza ed é scoppiato l'amore....la sua partenza per me era "definitiva", troppa la distanza, nel senso che non immaginavo la sua chiamata, solo dopo una settimana, invitandomi a raggiungerlo a Parigi: "aveva deciso di troncare con il precedente rapporto" - colpa mia???....non credo...o forse si, almeno lo speravo. E' da li' che comincia la mia storia, un continuo aller-retour in aereo, quattro volte in un'anno, il primo anno e poi il secondo definitivamente la mia decisione di lasciare l'Italia per stabilirmi in Francia. Quando Elga, mi parla della sua iniziativa, metto a fuoco subito il pensiero, tornando indietro di 16 anni, un paio di cenette da fidanzatini freschi freschi. La prima, nella mia casa in Calabria, pochi giorni dopo esserci conosciuti, ma non era S.Valentino ed avevo preparato una succulenta parmigiana, ho scoperto dopo che le melanzane non sono le sue preferite,la seconda, al suo primo compleanno insieme a casa sua, e non era San Valentino, ed erano delle crepes ai funghi, ed ho scoperto subito dopo che non ama i funghi. Pensandoci bene bene e facendo mente locale ancora più insistentemente, sono passati 16 anni....cerco di ricordarmi il nostro primo San Valentino,:p..si...siiiii, ora ricordo!!!!!:o) Eravamo già sposati ed un figlio ,poco più di un mese...e tra una poppata e un'altra, ricordo che mi ha invitata ad uscire al ristorante. Ma allora qual'é stata la mia prima vera cenetta preparatagli per festeggiare il Santo degli innamorati????....:P,non me lo ricordo più....tanta confusione. Ricordo quasi sempre una nostra uscita al ristorante. Dovete sapere che mio marito adora festeggiare e festeggiare qualsiasi avvenimento anche di poco conto, qui a Parigi di ristoranti da scoprire c'é ne a iosa, lui ama farmeli scoprire o é lui che vuole scorpirli? (forse deformazione professionale????) . Ma non voglio mancare all'iniziativa di Elga e mi sono invece ricordata della prima sera che ho messo piedi in Francia, la cenetta l'aveva organizzata lui per me. Era il suo benvenuto e ricordo esattamente cos'é che mi ha servito , su una tavola poco decorata, solo una rosa rossa,due bicchieri pieni di champagne con una fragola dentro, due piatti normali , le posate e una abbondante porzione di lasegne al salmone fumante, riscaldata al microonde. Poteva essere fatta anche da lui certo, non ne conoscevo bene ancora le attitudini e sapendo che lavorava in questo campo, non ritenevo carino porre la questione. La lasegna era buona, anzi buonissima, era la prima volta che ne mangiavo una e per me poi quel giorno era speciale...scoprii più tardi che l'aveva preparata sua mamma.

Ho pensato molto come poter realizzare una lasagne leggera e delicata senza forzare troppo nelle calorie, presentandola sia come un'antipasto fresco o anche come unico piatto leggero che possa deliziare una serata speciale con il proprio fidanzato, compagno o marito. Una serata che non ci si deve appesantire, mangiare con gusto ,facendo piacere alla mente ed al cuore, bere un buon bicchiere di vino bianco alla giusta temperatura, terminare con un buon dessert al cioccolato e proseguire la serata dolcemente, senza finire di addormentarsi sul divano per aver mangiato troppo.

Questa ricetta la regalo alla mia cara amica Elga per la sua iniziativa "Una cenetta per lui"

Lasagne al salmone con crema di ricotta e rucola


Lasagne al salmone profumato all'aneto,crema di ricotta e rucola.

per due persone
  • 4 sfoglie di pasta rettangolari.
  • 4 fette di salmone affumicato
  • 100 g di ricotta mordida
  • olio evo
  • 1 spicchio d'aglio in camicia
  • un rametto di aneto fresco
  • 50 g di rucola
  • sale - pepe qb

Far cuocere le sfoglie in una larga pentola con abbondante acqua salata ed un filino d'olio. Raffreddarle subito dopo la cottura in una ciotola con dell'acqua fredda e scolarle successivamente su un canovaccio pulito, coprire e lasciare raffreddare.In una ciotolina versare due cucchiai d'olio d'oliva extra vergine e gli aghetti dell'aneto tritati fini emulsionare con la forchetta e lasciare riposare. Lavare la rucola sotto l'acqua fredda e farla leggermente rosolare un una padella antiaderente con due cucchiai d'olio,lo spicchio d'aglio in camicia, per circa 5 minuti, il tempo che si insaporisca con un pizzico di sale e la sua acqua di vegetazione Preparare la cremina di ricotta, mescolandola con un forchetta un po' d'olio , un pizzico di sale e pepe nero. Lavorarla bene riducendola in una crema morbida. Ricavare dei 4 rettangoli di pasta otto rettangoli e tagliare le fette di salmone nella stessa forma rettangolare per poterle sistemare nelle sfoglie di pasta. ( non ho misurato in cm i rettangoli ma orientatevi più o meno a seconda dei fogli di pasta che avrete a disposizione, io ho usato le sfoglie di pasta secca della De cecco)

Preparazione del piatto:
Primo strato: mettere il primo rettangolo di pasta, sistemare sopra il rettangolo di salmone spennellare con l'olio all'aneto, coprire con un'altro rettangolo di pasta, spalmare un cucchiaio di crema di ricotta, aggiungere un quarto della rucola, ben disposta sulla crema, coprire ancora con l'altro rettangolo di pasta ancora un rettangolo di salmone, una spennallata di olio all'aneto, coprire con il rettangolo di pasta ed infine un altro cucchiaio di crema e di rucola cotta. Alla fine ho decorato con delle foglioline di rucola cruda e contite con l'olio all'aneto.

ps: E' un delizioso antipasto se le porzioni sono piccole, puo' essere un'ottimo primo piatto freddo in estate ed infine puo' essere anche leggermente riscaldato al micro onde da servire come piatto principale.

Aggiornamento: Ho letto questa notizia qui sul blog di Giovanna e ne sono rimasta colpita cosi' come resto colpita ogni giorno dalle sempre più insistenti notizie su gli sbarchi clandestini a Lampedusa. Contribuisco a diffonderne questo link, cosi' come disperatamente chiede Giovanna per partecipare e diffondere il più possibile questo grido di aiuto e salvare per una volta definitivamente l'italia tutta e Lampedusa in particolare dal questo dramma.


En Français, s'il vous plat
Lasagne al salmone con crema di ricotta e rucola

Lasagnes de saumon fumé à la créme de ricotta et rocchetta

pour 2 personnes

  • 4 rectagles de pâtes séches
  • 4 tranches de saumon fumé
  • 100 g de ricotta romana
  • 4 càs d'huile d'olive extra
  • 1 gousse d'ail en chemise
  • 50 g de rocchetta
  • sel - poivre
  • aneth frais

Faire cuire les pâtes dans une grande casserole avec de l'eau salée et un peu d'huile. Refroidir immédiatement après la cuisson dans un bol d'eau froide et sèchez-la sur un linge propre, couvrir et réserver.Dans un petit bol versez deux cuillères à soupe d'huile d'olive vierge extra et hachés fins l'aneth, émulsionnez avec d'une fourchette, réserver. Laver la roquette dans l'eau froide , mettez-la dans une poêle anti-adhésive avec deux cuillères à soupe d'huile, la gousse d'ail en chemise cuire environ 5 mm, selez et poivrez, elle va cuire avec l'eau de végétation. Préparez la crème , mélangez la ricotta avec une fourchette, un peu 'huile, une pincée de sel et de poivre noir, réservez. Coupez 4 rectangles des pâtes en deux pour obtenir huit rectangles de pâte, couper les tranches de saumon dans la même forme rectangulaire des feuilles de pâtes. (Je n'ai pas mesuré en cm les rectangles, coupez-les selon les feuilles de pâtes que vous avez à disposition, j'ai utilisé des pâtes alimentaires sèches De Cecco) Préparation et montage du plat: Première couche: mettre le premier rectangle de pâte, placez au-dessus la tranche de saumon coupé préalablement un rectangle, badigeonnez avec l'huile marinée à l'aneth, couvrir avec un autre rectangle de pâte, étaler une cuillère à soupe de créme ricotta , ajouter un quart de roquette, bien étaler sur la créme, couvrir avec un autre rectangle de pâte , la tranche de saumon, un peu d'huile à l'aneth, recouvrir avec le rectangle de pâte, et enfin une autre cuillerée de crème et roquette cuite. À la fin, j'ai décoré avec des feuilles de roquette fraiches et d'huile d'olive marinée à l'aneth. Cette lasagnes on peut le servir en plat d'entré ,il peut être, aussi, servis trés frais en été et enfin être légèrement chauffé au micro-ondes comme plat principal.

Lasagne al salmone, crema di ricotta e rucola


lunedì 19 gennaio 2009

Sfoglia al tonno,curry e cocco - Feuilletè de thon au curry et coco

sfoglia al tonno, aromatizzata al curry,cocco e aceto balsamico

Se hai degli ospiti a cena non ti puoi permettere di preparare delle pietanze detox o decidi di rinviare l'invito, e non mi sembra carino, oppure ti adegui alla situazione mettendo in pratica l'etica della buona padrona di casa che sà ricevere e soddisfare il palato dei sui ospiti. Sabato sera é stato il caso, ho messo momentaneamente da parte le ricette "sciogli grassi" e ho iniziato a sfogliare vecchie riviste e appunti, note piccole e grandi, fogli scritti velocemente di ricette, prese....velocemente, aspettando in sala d'attesa dal dottore o dal parrucchiere e poi a casa messi nella mia agendina....mica una sola, tante agendine che conservo e che me ne servo proprio in casi come questi.
Questa ricetta , per esempio, viene da appunti presi più di un'anno fà, con scritto "dal blog Cucina ricetta di Philippe Conticini chef "che preparo spesso durante le feste ed anche nel periodo estivo. Dei quadrotti di pasta sfoglia al tonno che possono essere serviti come antipasto, di gusto davvero particolare per l'aggiunta della polvere di cocco e l'aceto balsamico due ingredienti singolari che sembrano scontrarsi tra loro invece....... ideali proprio come stuzzichini prima di mettersi a tavola.
Partecipo con questa ricetta al gran buffet di Anicestellato

Ingredienti per sei persone

  • Un rotolo di pasta sfoglia
  • un tuorlo
  • una scatola di tonno al naturale
  • due cucchiai di olio evo
  • due cucchiai di aceto balsamico
  • due cucchiaini di curry
  • un cucchiaio abbondante di noce di cocco (fresca) grattuggiata
  • Erbe di Provenza
  • Parmigiano grattugiato
  • pangrattato
  • fior di sale

Procedimento: Mescolare il tonno con l'aceto balsamico ed il fior di sale. Spennellare la pasta sfoglia con il tuorlo leggermente sbattuto. Sbriciolare il tonno sulla pasta distribuendolo bene solo su una metà. Spolverare con il curry, il parmigiano e piegare la pasta in due in un semicerchio. Chiudere bene i lati aiutandovi con il tuorlo. Spennellare ancora con il turolo la parte superiore della pasta, spolverare ancora con del curry, del parmigiano, le erbe di Provenza ed il cocco gratuggiato. Passare in forno gi caldo a 180°C. per 20 minuti. Intiepidire e tagliare a quadrotti e servire tiepida o anche fredda.

En Françàis, S'il vous plait

sfoglia al tonno, aromatizzata al curry,cocco e aceto balsamico

Feuilleté au thon de Philippe Conticini

  • 1 pâte feuilletée
  • 1 jaune d'oeuf
  • 1 boîte de thon au naturel
  • 2 cas d'huile d'olive
  • 2 cas de vinaigre balsamoque
  • 2 cac de curry
  • noix de coco ràpée
  • herbe de Provence
  • parmesan ràpé
  • chapelure
  • fleur de sel
Melangez le thon avec le vinaigre balsamique et la fleur de sel. Badigeonnez la pâte avec le jaune d'oeuf. Etalez le thon sur la moitié de la pâte, saupoudrez de curry, de parmesan et replier la pâte pour former un demie-cercle.
Badigeonnez à nouveau avec le jaune d'oeuf puis saupoudrez de curry, d'herbes de Provence, de parmesan, de chapelure et de noix de coco. Faire cuire 20 min. à 180°C.

Recette prise sur le blog Cucina

sfoglia al tonno, aromatizzata al curry,cocco e aceto balsamico


venerdì 16 gennaio 2009

Vellutata di zucca,carote,albicocche e succo d'arancia.

Vellutata di zucca,carote,albicocche,succo d'arancia e panna
Super vitaminica la zuppa tutta arancio. Se si vuole recuperare il grigiore e la tristezza dei prossi due mesi ancora invernali, prima di svegliarci sotto un sole tiepido avremo bisogno di molte di queste zuppe. Sto incamminandomi verso la strada del detox. Eliminare un bel po' di tossine é il programma per i prossimi mesi, restando sempre fedele al pezzettino di cioccolato extra nero, mi impegno ad ingurgitare una scorta di vitamine che, oltretutto, colorano i piatti e rallegano la tavola. Il gusto é altamente delizioso preparata cosi' questa zuppa, ricca di un buon profumo d'arancia che risalta e le albicocche secche, in attesa di gustare quelle fresche. In francia questo tipo di "vellutata" é servita come un antipasto, calda, tiepida o fredda da gustare con i crostoni di pane grigliati e cosparsi di un'ottimo olio evo. Viene anche chiamata "cappuccino" per la presenza del tocco di panna montata salata, in questo caso. Una serie di ricette salate e anche dolci ,non necessariamente a base di caffè,hanno preso in "prestito" questo nome proprio per il contenuto cremoso, voluttuoso resi raffinati dal fiocco di panna che li avvolge ed una polverata di spezie e aroma che richiama o ne esalta il gusto. La mia ricetta é esclusivamente di mia fantasia ma esistono dei libri dedicati a questo tipo di preparazione che mano mano vi faro' conoscere.

Vellutata di zucca,carote,albicocche,succo d'arancia e panna

Per 4 persone:



  • 200 g di zucca

  • 100 g di carote

  • 4 albicocche secche

  • un dl di panna da montare + 4 cucchiai

  • mezza cipolla

  • un'arancia

  • 2 cucchiai d'olio evo

  • sale e pepe qb

Nel solito pentolino inox e abbastanza alto ho cominciato a dorare la cipolla tagliata sottile con 2 cucchiai d'olio evo e una strisciolina di buccia 'arancia, senza la parte bianca che renderebbe il tutto con un restrogusto amaro. Ho aggiunto, tagliata a dadini, piccoli la zucca dopo averla ben lavata, le carote, sempre a dadine e le albicocche a pezzetti? Ho lasciato insaporire pochi minuti. A questo punto ho spemuto il succo dell'arancia ed aggiunto la metà nelle verdure, mescolando bene. A fuoco dolce ho lasciato, ancora insaporire per due,tre minuti. In unltra pentola avevo messo in precedenza a bollire dell'acqua salata e circa 200 cl li ho versati nella pentola con le verdure. Ho coperto con un coperchio e ho lasciato cuocere, a fuoco medio per 20 minuti irca, fintanto che le carote siano tenere. Ho tolto la strisciolina della buccia d'arancia , ho aggiustato di sale , ho aggiunto 4 cucchiai di panna ed ho mixato il tutto con il minipimer ad immersione ed ho spento il fuoco.
In un contenitore ho versato la panna fredda con un pizzico di sale e pepe ed ho frullato fino a renderla spumosa e soda. L'ho inserita nel sac à poche e l'ho messa in frigo. Al momento di servire ho versato la cremina arancione calda nelle cocottine per servirla e decorata con un ciuffo di panna e polvere d'arancia.




En français, s'il vous plait
Vellutata di zucca,carote,albicocche,succo d'arancia e panna
Cappuccino de potiron,carottes et abricots secs au jus d'orange



  • 200 g de potiron

  • 100 g de carottes

  • 4 abricots secs

  • Un dl de crème fleurette + 4 cuillères à soupe

  • un petit oignon blanc

  • une orange Bio

  • 2 cuillères à soupe d'huile

  • sel et poivre

Dans une casserole faire revenir doucementet l'oignon coupé fin avec 2 cuillères à soupe d'huile, un cm d'écorses d'orange, sans la partie blanche. Lavez ed épluchez le potiron ,les carottes et les abricots, coupez-les en cubes, ajoutez-les dans la casserole avec l'oignon. Laissez les legumes mijoter quelques minutes, versez la moitié du jus d'orange en remuant bien. A feu doux, cuire pendant trois minutes. Dans une casserole faite bouillir de l'eau salée, environ 200 cl, rajoutez-la dans les légumes. Laissez cuire à feu moyen pendant 20 minutes, jusqu'à ce que les carottes soient tendres. Retirez l' écorces d'orange, ajustez de sel et mélangez 4 cuillères à soupe de crème. Mixez avec le batteur plongeant et éteignez le feu. Dans un récipient montez la crème fraîche trés froide avec une pincée de sel et de poivre.Reservez-la dans une poche à douille au réfrigérateur. Au moment de servir, versez le cappuccino chaud dans les tazzes de service, recouvrez-les de crème fleurette et parsemer des zestes d'orange râpé.Servez aussitôt.


Vellutata di zucca,carote,albicocche,succo d'arancia e panna



martedì 13 gennaio 2009

Tortina di ricotta con croccante rosa

Tortina di ricotta con croccante rosa

Un dolce semplice e delicato, non troppo calorico. Un dolce senza pretese da essere accompagnato da una tazza di Early grey al bergamotto ,dallo zappinare dei vari programmi televisivi senza soddisfazione. Invece questo delcetto ci dà una deliziosa soddisfazione di leggerezza e coccola di una serena domenica pomeridiana...e fuori ancora la neve.
Tortina alla ricotta con croccante rosa

Ingredienti

  • 500 g. di ricotta romana

  • 5 uova

  • un cucchiaio bombato di farina
  • 100 g di zucchero
  • la buccia di un limone grattuggiata (bio)
  • mezzo cucchiaino di cannella in polvere
  • 2 cucchiai di Rhum
  • 4 biscotti rosa di Reims*

Accendete il forno a 150°C. Imburrare una teglia rettangolare di preferenza ,ma va bene anche rotonda di 24 cm.di diametro.Separate 4 uova, mettendo i bianchi in una ciotola e i tuorli nella ciotola dove andrete a mescolare la ricotta passata al passalegumi a maglia fine. Aggiungere l'altro uovo intero, la farina setacciata e lo zucchero e mescolare con le fruste elettriche, la buccia del limone grattuggiata e la metà della cannella e il rum. Mescolare bene. Montare gli albumi a neve ferma et incorporarli alla preparazione precedente, delicatamente con una spatola.Versare l'impasto sulla teglia imburrata ed infarinata. Sbriciolare i biscotti rosa mescolandoli alla cannella e cospargerli sulla torta. Infornare per 45 minuti. Lasciare riposare il dolce 15 minuti prima di tagliarlo e servirlo gustandolo tiepido o...freddo.

*Se non riuscite a trovare i biscotti rosa potrete usare dei normali savoiardi,aggiungendo una goccia di colorante alimentare o anche poche gocce di succo di una rapa rossa e mescolare la cannella, avrete lo stesso identico risultato.



En français, s'il vous plait


Tortina di ricotta con croccante rosa

Gâteau à la ricotta au croquant rose

Ingrédient

  • 500 g. de ricotta romaine

  • 5 oeufs

  • 1 càs bomdée de farine

  • 100 g. de sucre semoule

  • le zeste râpé de 1 citron non traité

  • 1/2 càc de cannelle en poudre

  • 2 càs de rhum

  • 4 biscuits rose de Reims

Allumez le four, thermostat 150°C. Cassez 4 oeufs en séparant les blancs des jaunes dans une grande terrine; reservez le jaunes.Passez la ricotta au moulin à légumes,grille fine, au dessus du bol qui contien les 4 jaunes des oeufs et ajoutez l'oeuf entier, mélangez bien avec un batteur élettrique. Ajoutez la farine en la tamisant et le sucre -, le zeste de citron, la moitié de la cannelle et le rhum. Mélangez bien. Battez les blancs d'oeufs en neige ferme ferme et incorporz-les délicatement à la préparation à la ricotta, à l'aide d'une spatule. Versez la pâte dans un moule (quarré de preférence) de 24 cm. de diamètre beurré. Reduisez les biscuits rose en poudre, mélangez-le avec la cannelle et parsemez sur la pâte. Glissez au four, faites cuire pendant 45 minutes. Laissez reposer le gâteau 15 minutes avant de le démouler sur un plat de service. Dégustez tiède ou bien froid.

Tortina di ricotta con croccante rosa

domenica 11 gennaio 2009

Chutney profumo di zenzero

Chuney profumo di zenzero


Non avevo mai preparato il Chutney , mi sono decisa proprio durante le ultime feste trascorse. Tranquillamente soli soletti noi 4, ho pensato ad un'antipasto semplice e solito anche, delle fette di salmone affumicato gustandolo in una maniera differente dal solito.Ho trovato varie ricette sul web e me ne sono segnata parecchie, fra le tante ho scelto di utilizzare il finocchio, utile per la digestione, abbinato allo zenzero dal gusto leggermente piccante ed estremamente profumato che conferisce a qualsiasi piatto che lo contiene ,note deliziosamente orientali. Un'antiossidante che associato alla cipolla crea una sinergia tra i due diversi componenti , aumentandone il valore, antiossidante appunto. Per cui molto adatto a mantenere un buon equilibrio di gusto con il salmone affumicato particolarmente grasso. Il chutney si consera bene, ma come tutte le cose buone termina dopo pochi giorni.


per 6 persone
  • 1 finocchio
  • 1 peperoncino piccante
  • 3 cucchiai d'olio evo
  • 50 g di zucchero di canna
  • 5 cucchiai di aceto di mele
  • 1 cipolla bianca
  • 20 g di zenzero fresco
  • 30 g di uvetta
  • sale
  • pepe

Sbucciate la cipolla e tritatela con la mezzaluna. Sbucciate lo zenzero e tagliatelo a dadini piccolissimi. Lavate il finocchio e tagliate anch'esso a dadini piccoli. Mescolate gli ingredienti in una pentola inox aggiungendo il un pezzettino del peperoncino, l'olio,lo zucchero, l'aceto e l'uvetta e 10 cl. di acqua ,sale e pepe qb fate cuocere a fuoco medio per 20 minuti. Lasciate raffreddare e servite su dei blinis accompagnati da fette di salmone affumicato.Conservare in frigo.





En français, s'il vous plait
Chutney profumo di zenzero
Chutney de fenouil et gingembre

pour 6 personnes
  • 1 bulbe de fenouil
  • 1 morceau de piment
  • 3càs d'huile d'olive
  • 50 g de sucre roux
  • 5 càs de vinaigre de cidre
  • 1 oignon
  • 20 g de gingembre frais
  • 30 g de raisins de Corinthe
  • sel
  • poivre
Pelez l'oignon et hachez-le. Pelez et coupez en petit morceaux le gingembre. Lavez le fenouil, coupez-le en petits dés. Mettez ces ingrédients dans une casserole inox avec le piment, l'huile,le sucre, le vinaigre,les raisins et 10 cl d'eau. Salez,poivrez et faites cuire à feu moyen 20 min. Laissez refoidir. Servez avec des blinis et des tranches de soumon fumé. Conservez au frigo.
Chutney profumato di zenzero

venerdì 9 gennaio 2009

Cioccolato da spalmare alla cannella

cioccolato alla cannella da spalmare
Come dicevo ad una amica, qualche giorno fa, che mi vergogno un po' a proporre questa ricetta...tutti a dieta siete vero? Dopo le abbondanze delle feste, proprio non si puo' continuare ad ingolfare il fegato, ad accumulare chili che non facilmente andranno via....e tra é l'estate, ed allora dai, mangiate pure zuppette , insalatine, pesce bollito e finocchi crudi, io 'un c'é la fo', direbbe, sempre questa mia cara amica.... Fà un freddo micidiale, i meno undici gradi di martedi' scorso sono stati davvero pesanti e duri da far tremare anche il ferro del caminetto pur essendo li' a scuotere la legna ardente. Né riscaldamenti, né tre maglioni di lana grossa,bastavano a scaldare il corpo, neanche il phon...c'avete provato a riscaldarvi con il phon?....io si, a volte al mattino, prima di vestirmi...!!!!
Neve ancora fresca
Grande fan e molto sensibile al profumo della cioccolata,dopo aver finito quella tavoletta di cioccolata di Modica alla cannella, regalo di una babba Natale gentilissima e grande amica affettuosa ,pure Lei, la cioccolata me la sono fatta da me, una cioccolata che si spalma, che si conserva in frigo, fino a che non é finita. Quella che i bimbi ne vanno matti, quella che riscalda tutto l'essere, il palato ,il corpo ed i sensi. Io ve la propongo, magari dopo due settimane di detox, un cucchiaio non fà male,... no?
Ho girato il web per trovare una ricetta che mi andasse a genio, alla fine, ho riunito più ricette e me la sono creata da me con la cannella, mia adorata spezia che riscalda.

Cioccolata da spalmare alla cannella.

cioccolato alla cannella da spalmare


Ingredienti per due vasetti

  • 200 g di cioccolato extra nero
  • 180 g di latte (facciamo scremato)
  • 8 cucchiai di zucchero ( anche rasi, vanno bene anche 6 )
  • 180 g di burro ( questo ci vuole proprio tutto)
  • un cucchiaino di cannella (abbondante, anche due se vi piace la cannella

Ridurre la tavoletta di cioccolato a pezzetti piccoli, metterla in un pentolino, aggiungere il latte la cannella e far sciogliere a fuoco dolce. Lasciate riposare 5 minuti.Mixate il burro morbido con lo zucchero e versatelo nella pentolina con il cioccolato fuso, mescolate bene, facendo sciogliere il burro. preparate due vasetti puliti, a chiusura ermetica e versate il ciocco-burro, conservate subito in frigo. Buono subito il giorno dopo...provate per credere.

Offro questa buona e golosa cioccolata a queste care amiche che mi hanno premiato con i primi premi dell'anno 2009 e le ringrazio infinitamente con affetto, ricevere dei premi, perché negarlo, fa sempre molto piacere. GRAZIE

per il Premio One lovely blog award

lovely_blog

Romy e Fiordisale
per il premio Kreativ Blogger
kreativbloggerky0
Bri e Rossa di sera





En français, s'il vous plait

cioccolato alla cannella da spalmare

Chocolat à tartiner à la cannelle

  • 200 g de chocolat extra noir
  • 180 g de lait (ecréme)
  • 8 càs de sucre ( même 6 si vous préferez pas trop sucré)
  • 180 g. de beurre doux
  • un càc de cannelle ( même 2 si vous aimez cette épice)

Cassez le chocolat e morceaux. Faites fondre le chocolat avec le lait et la cannelle à feu très doux. Mixez le beurre rammolli avec le sucre. Lorsque le chocolat est fondu, laissez reposer 5 min. Versez le beurre au sucre dans le choco-lait et mettez dans des pots à confiture.

Placez immédiatement au frigo. C'est prêt le lendeman pour un délicieux déjeuner.



Si è verificato un errore nel gadget