giovedì 30 aprile 2009

Un té allo zenzero e cranberries

Té allo zenzero e cranberries
Questa settimana sono stata impegnata a cambiare l'aspetto del mio blog...certo non tutto il tempo, perché di tempo ce ne vuole per immergersi nel mondo del'htlm, quando proprio non ci capisci un'acca. Grazie ai suggerienti di Elga ,alla sua pazienza, sono finalmente riuscita a combinare qualcosa...tempo, tanto tempo e molta attenzione, altrimenti si rischia di fare dei grossi pasticci e, non sono ancora del tutto terminate le piccole modifiche. Ancora un po' di attenzione e spero di dare alle mie pagine un'apesetto più ordinato. Intanto mi scuso con voi se non ho risposto ai vosti commenti e se sono stata poco presente nei vostri blog...approfitto, dunque per ringraziarvi tutti e tutte del vostro affetto.

In questo periodo, si é accumulata anche la fatica mentale e fisica, l'assenza di mio figlio m'ha fatto stare in apprensione più del solito e l'assenza di una collega di lavoro ha ,naturalmente, pesato sul piano organizzativo. Cmq a tutto un rimedio c'é, un té stimolante e benefico che ho trovato delizioso e che sarà il tocca sana anche nei prossimi giorni...temperature ancora invernali e pioggia sono previsti per il fine settimana e l'assenza del sole é un peso enorme sul mio morale....per fortuna potremo riposarci e coccolarci per questo lungo fine settimana.


Per 4 persone:

  • 2 arange sanguigne
  • 1 limone non trattato
  • 70 cl di succo di cranberries ( in vendita nei supermercati)
  • 7 cm di radice di zenzero
  • 3 cucchiai di zucchero o meglio del miele d'arancio
  • 2 cucchiai di té Earl Grey o due bustine

Scaldare il succo di cranberry in una pentolina. Tagliare la radice di zenzero a rotelline fini e metterle a macerare 5 minuti nel succo. Aggiungere il té lo zucchero o il miele e lasciare in infusione per altri 5 min.Pressare le arance e ricavarne il succo e tagliare il limone a rondelle. Filtrare il té e aggiungere il succo delle arance le rondelle di limone e servire senza attendere.*

Piccola nota: Non riscaldare il succo delle arance perché a vitamina C contenuta si disperderebbe con il calore. Questo té previene il raffreddore e fresco é un buon stimolante in caso di fatica e stress.


Version en française

Té allo zenzero e cranberries

Thè aux cranberries et gingembre
Recette prise sur Avantage Hors série n°10

pour 4 personnes

  • 2 oranges
  • 1 citron
  • 70 c de jus de cranberry
  • 7 cm de racine de gingembre
  • 3 c.à soupe de sucre ou du miel
  • 2 c à soupe de Earl Grey

Chauffez le jus de cranbery dans une casserele. Tranchez le gingembre en rondelles fine et mettez celle-ci à macérer 5 min dans le jus.
Ajoutéz le thé Earl Grey, le sucre et laissez mariner 5 min supplémentaires.
Pressez les oranges et coupez le citron en tanches. Filtrez le thé, mélangez avec le jus d'orange et les rondelles de citron servez sans attendre.

Petite note: ne chauffez pas le jus d'orange, car la vitamine C est sensible à la chaleur. Le thé aux cranberries et gingembre ne prévient pas seulement le rhumes. Frais, il est un bon stimulant pour faire face à la fatigue.
Té allo zenzero e cranberries

lunedì 27 aprile 2009

Couscous con composta di cipolle alla cannella

Couscous
Sono stressata...anzi, no, sono angosciata, si sono stressata e angosciata insieme. Stressata perché mi figlio Alex é in viaggio, in gita scolastica e ansiosa perché non ho ancora notizie. Ho già telefonato tre volte sul suo cellulare...spento!.... infondo lo so', i professori gli hanno dato degli orari per tenerlo acceso, ma io ci provo, non si sà mai. E' la seconda volta che parte per una gita scolastica, lontano da casa....ma non mi voglio abituare, anzi ora lo so' che non mi abituero' alla sua assenza alla sua lontanza. Mio marito lo é quanto me, stressato e angosciato, ma fa finta che tutto é normale, anch'io faccio finta che tutto é normale. Salutadolo, stamattina, con quel borsone sulle spalle, le lacrime riempirono i miei occhi, ho evitato di mostrarmi, non volevo farli sentire la mia preoccupazione. Ora aspetto, ancora un po' e poi richiamo.


Il cous cous é una pietanza che tutti amiamo in casa, prima della partenza dei miei genitori coincisa con la partenza di mio figlio l'ho fatto. L'ho fatto passo passo dietro indicazioni della mia collega Kadoujà, al lavoro. Ho approfittato di un momento tranquillo e di disponibilità da parte sua...che non manca mai, tanto generosa, mi ha seguita nella praparazione dandoni una mano , a volte pure due, nel dosare gli ingredienti, lavorare la semola e, consigliato di servire insieme a questo piatto unico marocchino, una ricetta da lei preparatami che usano farne contorno ai loro ospiti, in particolare nei giorni di festa ed in momenti speciali. La ricetta é una deliziosa composta di cipolle alla cannella, uvetta e mandorle che in marocchino si chiama Tfaya .


Couscous


Ingredienti per 8 persone

600 g di carne di manzo per brasati a pezzetti (come per fare un bollito)
500 g di semola media
2 rape brassica (radice)
4 carote
3 zucchine
2 cipolle bianche
1/2 peperone verde o rosso
2 pomodori grossi
un mazzetto di coriandolo fresco
50 g di burro chiarificato ( ghi) o di burro fuso
200 g di ceci già ammollati la sera precedente
1 cucchiaino di zenzero in polvere
2 cucchiaini di curcuma in polvere
1 cucchiaino di cannella in polvere
Sale, pepe
Olio evo


Tfaya, cipolle alla cannella e mandorle
Per la Tfaya di cipolle alla cannella e mandorle

4 cipolle bianche
100 g di uvetta sultanina
50 g di burro chiarificato ( ghi)
1 cucchiaio di olio evo
un rametto di coriandolo
2 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di cannella in polvere
tre pistilli i zafferano
pepe e sale
100 g di mandorle tostate

Preparazione del Coucous

1) Preparare tutti le verdure lavarle e tagliarle a piccoli pezzi.
2) In una grande bacinella mettere la semola e bagnarla con poca acqua ( 3/4 cucchiai) e strofinarla con le mani per "sgranarla", operazion che serve per farla gonfiare.
3) In una pentola alta ( couscussiera) versare 4 cucchiai d'olio e mettere la carne tagliata a pezzi farla rosolare insieme alle spezie per qualche minuto, versare 1,5 litro di acqua e mettere i ceci, le cipolle, le carote,le rape ed il mazzetto di coriandolo, salate e fare cuocere ( sobbollire) lentamente per 30 minuti.
4) Appena l'acqua comincia a bollire mettere la semola nella parte alta ( cestello forato) della couscussiera e posizionarla sulla pentola, coprite. Appena il vapore attraversa la semola, togliere il cestello e versare la semola nella bacinella precedente, versate ancora un po' d'acqua e lavorarla continuando a sgranarla con le mani (scotta ma si puo' fare) rimetterla sulla pentola e continuare la cottura.
5) Aggiungere nel bollito i pomodori, il mezzo peperone, le zucchine.
6) Quando il brodo riprende a bollire ed il vapore attraversa la semola, toglierla dal cestello e sistemarla nella bacinella ,versare il ghe, mescolare sollevandola e coprirla con un foglio di carta forno ,mantenendola al caldo.
7) Continuare la cottura del brodo fino a che la carne e le rape sono divenute tenere. Il tempo totale di cottura é risultato di circa 2 ore dall'inizio della prima bollizione del brodo.

Preparazione della composta di cipolle:Lavare le cipolle e tagliarle a fette non troppo sottili. Metterle in una padella alta con un filo d'olio e farle cuocere con mezzo bicchiere d'acqua per 15 minuti , aggiungere l'uvetta ammollata precedentemente in un po' d'acqua, la cannella, lo zafferano e lo zucchero, sale e pepe, fare caramellare. In fine aggiungere le mandorle tostate e servire sul couscous.

Aggiornamento: Finalmente siamo riusciti ad avere notizie , tutto tranquillo e rassicurante sentire la voce del professore che ci annunciava il buon esito del viaggio e l'arrivo all'hotel in Bretagna nei pressi del Monte San Michel, ancora piu' rassicurante, é stato, sentire la voce di nostro figlio.



Version fraçaise

Couscous

Couscous marocain

Ingrédients pour 8 personnes :

600 g de viande de boeuf à braiser
2 navets moyens épluchés et coupés en 4
4 carottes épluchées et coupées en tronchons
3 courgettes taillées en tronchons
2 gros oignons coupés en gros quartiers
1/2 poivron vert
2 tomates coupées
1botte de coriandre
200 g de pois chiches trempés la veille
1 cuiller à café de gingembre en poudre
1 cuiller à café de cannelle
1 cuiller à café de curcuma
Sel et poivre du moulin
50 g de ghi ( beurre clarifié)
hulie d'olive
500 g de couscous (semoule)

Pour les oignons Tfaya à la cannelle

4 oignons blanc

100 g de rasin blond

2 càs de sucre

2 càs rase de cannelle

50 g de ghi

3 filaments de safran

100 g des amandes grillées

sel et poivre

Préparation du Couscous

1) Prenez un grand plat en terre ou en porcelaine, versez la semoule, humectez d'un peu d'eau l'égrainant (gonflage) avec les mains
2) Dans le bas de la couscoussière versez de l'huile d'olive mettez la viande en morseaux et faite-la revenir quelques min avec les épices, versez 1,5 litre d'eau puis mettez les pois chiches, les bottes lavées de coriandre, les navets ,les carottes, les oignons ,salez ,poivrez puis cuire a faible ébullition 30minutes .
3) Dés que ce bouillon bout , mettez le haut du couscoussière garni de la semoule sur le bas, lorsque la vapeur traversera la semoule, retirez le haut et versez la semoule dans le même plat que tout a l'heure, salez au sel fin, et a l'aide d'un peu d'eau continuez de remuer en égrenant la semoule.Puis reversez celle-ci le haut de la couscoussière et continuez la cuisson.
4) Ajoutez alors dans votre bouillon, les quartiers de tomates, les courgettes, le demi poivron.
5) Lorsque votre bouillon va rebouillir et que la vapeur va a nouveau traverser la semoule retirez-le du feu puis versez-le dans un grand plat et mélanger avec 50 g de beurre (ghe) en soulevant pour aérer la semoule puis couvrez d'un papier sulfurisé pour préservez sa chaleur.
6) La cuisson sera terminé lorsque vous pourrez enfoncer une pointe de couteau dans la chair des navets.

Préparer la Tfaya : émincer les oignons et les cuire avec 1 verre d’eau pendant 30 minutes. En fin de cuisson, ajouter les raisins secs trempés au préalable, la cannelle, le safran, le sucre, du sel et du poivre. Faire caraméliser.

Dresser le couscous dans le plat de service. Placer la viande et les legumes au sommet, recouvrir de Tfaya, verser du buillon brulat.
Couscous

sabato 25 aprile 2009

Cupcakes, fragole, basilico e ciccolato bianco

capcakes alle fragole e basilico
Si, c'ho preso proprio gusto a fare questi dolcetti, sono belli, si mangiano prima con gli occhi e poi in un solo boccone, o il contrario?:-P.....sono decorativi piacciono ai miei figli e ci si puo' sbizzarrire nell'aggiungere aromi differenti o farcirli come questi di Dany .Decorati con frosting o ganache, cosparsi di confettini, cuoricini,perline e fiorellini,il piacere di cambiare creme e colori a secondo dell'umore e del periodo. Mi piacciono anche perché sono "singol" uniporzione, nel senso che te ne mangi uno e poi....basta, l'altro lo riservi al prossimo caffé. Credo che non mi stanchero' più a farli. Basta utilizzare un'impasto base , anche molto semplice e aiutarci con la fantasia , che a noi proprio non manca. In questo caso ho usato l'impasto della torta di yogurt farciti alle fragole e basilico, avevo visto questa accoppiata...non ricordo dove, mi dispiace, certamente in uno dei vostri blog.....e volevo provare e per la ganache ho chiesto consiglio alla cara Dany che m'ha gentilmente suggerito questa crema che ci sta alla perfezione. Non riesco a descrivervi con parole il piacere che ho visto sprizzare dagli occhi dei miei figli mentre mi guardavano nel momento della decorazione...pieno di avidità e di golosità per mangiarne subito uno.


capcakes alle fragole e basilico
Ingredienti:
un yogurt alla vaniglia
2 uova
1 vasetto e mezzo di yogurt di zucchero
2 vasetti di yogurt di farina
1 vasetto di yogurt di fecola di patate
1 vasetto di yogurt di olio
mezza bustina di lievito per dolci
1 cucchiaino di basilico fresco
un pizzico di sale
100 g di fragole
una bustina di zucchero vanigliato
un cucchiaio di maizena

Per la ganache al cioccolato bianco:
60 ml di panna fresca
185 g di cioccolato bianco

Preparare la ganache al cioccolato bianco facendo riscaldare la panna in un pentolino fino a leggero bollore, a questo punto versarla in una ciotola dove avrete messo il cioccolato bianco a pezzetti e scioglietelo bene mescolando con un cucchiaio di legno. Riservate in frigo almeno per un'ora, mescolando di tanto in tanto.


Lavare le fragole sotto l'acqua corrente e disporle su carta assorbente per farle asciugare bene. Mettete da parte.
In una ciotola versare lo yogurt e lavare e ascigare bene il vasetto , usaldolo come misura. Aggiungere lo zucchero, la farina,la fecola con il lievito setacciati, le uova e l'olio,mescolare bene con un cucchiaio di legno. Aggiungere il basilico il pizzico di sale ed amalgamare per ottenere un'impasto liscio ed omogeneo. Tagliare le fragole a pezzetti non troppo piccoli e mescolarle in una ciotola con lo zucchero vanigliato e il cucchiaio di maizena. Mescolarle nell'impasto che andrete a suddividere nelle formine di silicone o di carta, per circa tre quarti. Infornate a 180°C. per 25 minuti. Lasciarli completamente raffreddare. Prendete la ganache e spalmatela sui dolcetti. Questa operazione meglio se fatta il giorno dopo, la ganache , riposata per una notte intera a temperatura ambiente, risulterà perfettamente cremosa per essere distribuita facilmente sui capcakes. Decorate con una fragolina disidratata.




Version fraçaise
capcakes alle fragole e basilico

Cupcakes aux fraises et au basilic


Ingrédients: -

1 pot de yaourt -
1 pot de sucre -
2 pots de farine -
1 pot de fecule de pomme de terre -
2 oeufs -
1 pots d'huile -
1/2 paquet de levure -
la poite d'un càc de sel-
100 g de fraises -
un sachet de sucre vanille-
1 càs de maizena-

Pour la ganache au choccolt blanc
185 g de chocolat blanc
60 ml de crème liquide


Préparer la ganache : Faire bouillir la crème et versez-la sur le chocolat en morceaux. Fouetter pour le faire fondre et laisser refroidir environ 1 heure au frigo.
- Préchauffez votre four à 180°C.
- Dans une saladier, versez votre yaourt, et raclez bien le pot.
- Versez par dessus 1 pots de sucres et 2 pots de farine, le 1 pot de fecule de pomme de terre et le demi sachet de levure chimique .
- Ajoutez les 2 oeufs et le pot d'huile d'arachide

- Ajoutez la càc de basilic et le sel.
- Mélangez tout ça, jusqu'à obtenir une pâte lisse et homogène.

- Lavez et essuiez les fraises, coupez-les en morceaux et ajoutez le sucre vanillé et un càs de maizena. Melangez-les à la préparation precedente avec un cuillère en bois.
-Remplir les coupes de papier au trois-quart à l'aide d'une cuillère.Mettre à cuire 20 à 25 minutes ou jusqu'à ce qu'un cure-dent ressorte propre.Sortir du four et mettre les cupcakes à refroidir sur une grille.
- Decorez avec la ganache au chocolat ed une petite fraise déshydraté. - Cette operation peut être faite le lendeman, aprés avoir laissé réposer la ganache à la temperature ambiente,pendant toute la nuit.


capcakes alle fragole e basilico

mercoledì 22 aprile 2009

Cipollotti e mele e pepe rosa per farcire una baguette

Baguette farcita

Il detto dice: al contadino, non far sapere quanto é buono il formaggio con le pere....io aggiungo: e nenche il cipollotto con le mele. Una scoperta casuale che mi ha sbalordita...ma forse , il contadino già lo sà, con tutti i suoi buoni prodotti freschi nel giardino colti al mattino, avrà pure provato questo connubbio no?....nel mio cesto c'erano tre cipollotti freschi, una mela e quasi niente altro , sono stati sufficienti per aprirmi l'idea di un companatico da portare al lavoro. M'é bastato comprare una buona e croccante "baghette" con i semi di papavero ed il panino é stato fatto in un lampo.


Cipollotti e mele al pepe rosa


Per due persone:

Una mela preferibilmente "Pink laidy"
tre cipollotti freschi
Olio evo
sale
grani di pepe rosa
una baguette


Ho lavato bene i cipollotti e li ho tagliati a fette non troppo sottili, ho usato anche la parte verde dei cipollotti, in pratica non ho buttato via nulla tranne che la parte spessa con le radici. Li ho messi in una padella con due cucchiai d'olio a cuocere a fuoco dolce, sale e un filino d'acqua, per non farli friggere. Nel frattempo ho lavato e tagliato la mela a fettine non sottili e l'ho aggiunta ai cipollotti ancora al dente. Ho fatto insaporire per due minuti insieme a qualche grano di pepe rosa, a fuoco vivo, ho aggiustato di sale e, appena colorati ho spento il gas. Li ho lasciati intiepidire e farcita la baguette, é stato difficile aspettare, non provare subito il risultato...meno male che di baguette ne avevo due.


Version française

Baguette farcita



Baguette aus graine de pavot aux oignons et à la pomme

Pour deux personnes:
Une pomme, de préférence pink laidy
une botte d'oignons nouveaux
huile d'olive
sel

poivre rose
une baguette aux graines de pavot bleu



Lavez les oignons et les couper en tranches pas trop fines. J'ai utilisé aussi la partie verte des oignons. Mettez-les dans une casserole avec deux cuillères à soupe d'huile pour faire cuire à feu doux, le sel et en peu d'eau, les faire mijoter mais pas frires. En attendant, lavez et coupez les pommes en tranches fines et ajoutez-les aux oignons encore "al dente". Faire cuire deux minutes,ajoutez quelques graines de poivre rose et faire sauter à feu vif, salez et poivrez. Eteignez le gaz et laissez tiédir. Farcir avec cette préparation la baguette..... difficile de resister jusqu'au lendemain pour l'amener au travail, j'ai gouté tout de suite....... heureusement que j'avais un'autre baguette.

Cipollotti e mele al pepe rosa

martedì 21 aprile 2009

Riso integrale Venere, shiitake, fave con pepe lungo del Bengala

Riso Venere,shiitake e fave
Sarà stato l'effetto degli avvenimenti terribili dei giorni passati che nei miei piatti ha pravalso il colore ebano. Incoscientemente ho usato ingredienti, appunto come il post precedente , cioccolato e mirtilli, in questo caso, il riso integrale Venere e anche nel successivo c'é un tocco di nero. Strano come certi eventi possano indurre la propria creatività a fare delle scelte appropriate (?) In questa ricetta é da notare il tocco di verde, un piccolo segno di speranza, di positività.

Il riso Venere era coltivato anticamente dai contadini cinesi solo per gli imperatori, veniva, appunto chiamato " cibo degli imperatori".Profumatissimo e di grande effetto, ha caratteristiche nutrizionali più importanti rispetto al riso ordinario, come il silicio e il ferro che conferiscono a questo prezioso cereale ,proprietà antiossidanti. Il caratteristico colore ebano é dovuto ad una sottile pellicola ricca di pigmenti che sono presenti, in natura, anche nel mirtillo e nelle uve nere. Il profumo particolare che si sprigiona soprattutto durante la cottura ricorda il pane appena sfornato.

E' adatto a tutte le occasioni e ci si puo sbizzarrire ne condirlo, anche per il suo effetto cromatico che lo rende elegante, magico. Ottimo, e da me preferito, con un filo d'olio d'oliva evo e un cucchiaio di parmigiano ma , certamente, anche con lo zafferano con i gamberetti e con le verdure fresche di stagione, come i pisellini, le fave e gli asparagi. La mia versione primaverile é stata questa che vi propongo, dal sapore esotico e come sempre, quel particolare ingrediente di casa mia di cui non posso fare a meno: una punta di pepe nero del Bengala.

Shiitake

Pepe lungo del Bengala

piccola nota: Tutte le foto sono pessime, non sono riuscita a farle come volevo e non ho potuto migliorarle, ho scoperto che "qualcuno" (mio figlio)aveva scattato mille foto a Mouffy, modificando i parametri della macchina fotografica...era troppo tardi quando me ne sono accorta.!!! Perdonato!!!

Per 4 persone
300 g di riso venere
1 cipollotto fresco
150 g di fave fresche
mezzo cavolo cinese
10 g di funghi neri secchi Shiitake ( nei negozi di prodotti asiatici) olio evo

un cucchiaino di Aneto fresco
pepe lungo del Bengala

Mettere il riso Venere in una casseruola con un litro d'acqua e portare a bollore, fare cuocere per circa 40 minuti
Mettete a mollo i funghi neri in una bacinella con dell'acqua tiepida per circa 20 minuti, in modo che riprendano la loro morbidezza e triplicano di volume. Scolateli dall'acqua di ammollo e sciacquateli, tagliateli a striscioline sottili. Mettete da parte.Fate sbollentare pochi minuti (circa 2 min)le fave in acqua salata e scolatele. Sbuccitele e mettete da parte.Lavate il cavolo cinese e tagliatelo a sriscioline sottili. Un una larga padella (wok) versate due/tre cucchiai d'olio evo e la cipolla tagliata a piccoli dadini, fate rosolare dolcemente, aggiungete le striscioline di cavolo cinese ed i funghi, salate, versate mezzo bicchiere d'acqua calda, coprite e fate cuocere 3/4 min, finché si appassiscono. Aggiungete le fave e continuate la cottura per pochi minuti, se necessario aggiungete acqua calda. Le verdure meglio lasciarle croccanti.Aggiustate di sale e grattuggiate la punta del pepe lungo del Bengala. Appena pronto il riso che deve rimanere al dente, scolartelo bene e versatelo nella preparazione prevedente. Fate saltare in padella il tutto e servite condendo con dell'olio d'oliva evo a crudo ed il cucchiaino di aneto fresco.


Version en française
Riso Venere, shiitake e fave

Riz noir "Venere"champignons shiitake au poivre long
Pour 4 personnes
300 g de riz noir Venere
150 g de fèves fraîches, pelées
1 oignon nouveau émincé
10 g. de champignons noir séchés Shiitake
un demi chou chinois
Huile d'olive

un càc d'aneth
sel et poivre long
Mettez le riz dans une casserole avec 1 litre d'eau, portez à ébullition et laissez cuire 40 min.
Mettez les champignons Shiitake à ramollir dans un bol avec de l'eau tiède pendant 20 min, les rincer et les couper en fines lanieres. Réservez. Plongez les fèves dans une petite caserole avec de l'eau buillante salée, pendant 2 min. Egouttez-les et réservez. Dans un wok versez de l'huile d'olive et faites revenir l'oignon coupé en petit dé. Ajoutez le chou et les champignons, salez, versez un demi verre d'eau tiède , couvrez et faite cuire environ 3/4 min. Ajoutez les fèves et poursuivre la cuisson pour quelches min, ajoutez de l'eau chaude si necessaire. Ajoutez de sel et râpez la pointe du poivre long.Dés que le riz est cuit, ajoutez-le dans le wok et faite revenir l'ensable, 1 min. Servir le plat chaud assaisonné d'un filet d'huile d'olive.

Riso Venere, shiitake e fave

domenica 19 aprile 2009

"Muffins" al cioccolato e mirtilli

Muffins cioccolato e mirtilli

Sabato scorso, la vigilia di Pasqua ,nel nostro giardino, riceviamo una visita inaspettata. Mentre ci coccolava un sole caldo, sul tetto della nostra piccola capanna degli attrezzi, un leggero, delicato miagolio. Lo sguardo dei bimbi inevitabilmente attirato, si illumina teneramente , indicando con il dito si avvicinano. Lui, un gattino, ci chiamava in suo soccorso,(?). Affamato ma anche diffidente e pauroso, timido si avvicina alla ciotola del latte porsa da mio figlio e lentamente, annusa e beve. Non scappa mentre i miei figli si avvicinano si lascia accarezzare, scivola tra le loro gambe si strofina, fa le fusa e cerca carezze....pochi minuti ed é conquistato e ci conquista. Dopo aver fatto le giuste ricerche per capire se era smarrito e qualche proprietaria, magari disperata alla sua ricerca, scopriamo che non possiede tatuaggi di riferimento che non appartiene legalmente a nessuno che, forse, suo malgrado era stato abbandonato, perché non più desiderato. Ci intenerisce ancora di più e restiamo per qualche giorno a domandarci se adottarlo oppure.....!!!!


Mouffy
Mouffy
L'abbiamo chiamato Mouffy....

Mouffy
Questi muffins, a parer mio, molto felini,rappresentano la coccola, la morbidezza, la golosità e la carezza di un boccone d'amore ,di tanta tenerezza, cosi' come é lo sguardo del piccolo gattino,tutte le mattine raggomitolato , davanti al davanzale della nostra finestra nel giardino. Mouffy resterà con noi.

Muffins cioccolato e mirtilli
Muffins al cioccolato e mirtilli

Ingredienti:

60 g di zucchero
40 g di farina doppio zero
70 g di cioccolato extra fondente
70 g di burro
2 uova
40 g di mirtilli freschi o surgelati
la punta di un cucchiaino di lievito per dolci.


In una ciotola mescolate lo zucchero e la farina setacciata.
Spezzate il cioccolato a pezzetti e mettetelo in una pentolina con il burro appezzetti. Fate sciogliere a fuoco dolce In un'altra ciotola sbattere le uova e incorporarvi il cioccolato fuso, mescolate con un cucchiaio di legno e aggiungete poco per volta la farina e lo zucchero, poi aggiungete la punta di lievito. Versate la preparazione nelle formine di silicone o di carta , distribuendo l'impasto per circa un terzo. Lavate i mirtilli sotto l'acqua fredda e asciugateli con carta assorbente.Ripartiteli sull'impasto, nelle formine, spingendoli leggermente verso il fondo. Infornate da 20/25 min in forno preriscaldato a 180°C.



Version française

Muffins cioccolato e mirtilli

Muffins chocolat aux myrtilles

recette de Cyril Lignac adapté par moi mème


  • Ingrédients:
  • 60 g de sucre
  • 40 g de farine
  • 70 g de chocolat noir
  • 70 de beurre mou
  • 2 gros oeufs
  • 40 g de myrtilles fraîche ou surgelées
  • la pointe d'une càc de levure chimique

Dans un saladier, mélangez le sucre , la farine et la levure.Découpez le chocolat et le beurre en morceaux. Mettez-les dans une casserole et faites-les fondre à feu doux. Dans un'autre saladir, battez les oeufs à l'aide d'un fouet. Incorporez le mélange au chocolat puis le mélange farine-sucre-levure.Versez la préparation dans des moules à muffins en silicone ou de petites caissettes en papier. Répartissez les myrtilles à la surface, en les enfonçant légèrement. Enfournez 20 à 25 min dans le four préchauffé à 180°C.

Muffins cioccolato e mirtilli

giovedì 16 aprile 2009

Lasagne ai carciofi al pesto di pistacchi di Bronte.

Lasagne ai carciofi e pesto di pistacchi di Bronte
Ci siamo divisi i compiti, io e mia mamma. Domenica scorsa panzo in famiglia. Mia mamma s'é messa a preparare dalla sera precedente l'agnello, io non proprio portata a questo tipo di preparazione mi sono occupata del primo piatto e del dolce. Ho scelto di presentare ai miei "ospiti" le lasagne ai carciofi, spinta dalla cara Cipollina che ha pubblicato la sua versione tentatrice proprio prima di Pasqua. I carciofi, con abbondante formaggio fuso,sono proprio una tentazione di primavera.
I carciofi che ho scelto sono quelli piccolini violetti, sono molto teneri e cosi' non si butta via molto. Per informazioni dettagliate su questo ortaggio vi invito a leggere l'articolo sul bolg di
Gunther, spiega molto bene le sue proprieta nutrizionali, quali scegliere, la sua storia e la maniera di pulirli.
La mia lasagna é stata gradita all'unanimità,nonostante l'apparenza é risultata abbastanza leggera e delicata, calorica?....certo molto!!! ma una lasagna mica si mangia tutti i giorni? ;-) Non mi sono permessa di prendere in foto l'originale, qualla nella grande teglia di ceramica ,che ho portato in tavola ai miei "ospiti" , erano affamati ed il tempo che mi sarei presa per scattare le mille foto, sarebbe stato tanto e davvero sgradevole l'attesa, per cui ho fatto un piccolo esemplare, (quello che vedete nelle foto) che ho potuto fotografare con calma successivamente. Volendo, infondo, si puo' realizzare anche in mini porzioni in modo tale da poterla congelare e gustarsela anche in giorni di "magro"...di non voglia di fornelli, per esempio.

Copio e incollo parte della ricetta scritta da Elvira con i miei ingredienti....intrusi.! A proposito, dalle foto non si vede bene il pesto di pistacchi, via assicuro che dentro c'era e ci stava anche molto bene...il croccante dei pistacchi di Bronte e del loro gusto inconfondibile.

Lasagne ai carciofi e pesto di pistacchi di Bronte
Ingredienti per otto persone

Circa 12 fogli di pasta fresca all'uovo per lasagne ( mio marito ha sempre un pacchetto di riserva per me)
un mazzetto di carciofi violetti ( circa 6 piccoli)
200 g scamorza affumicata
100 g di pancetta a dadini
un vasetto di pesto di pistacchi di Bronte
Olio evo
uno spicchio di aglio
Per la besciamella ( stessa dose fatta da Cipollina)
50 g burro
50 g farina
700 ml di latte
sale,noce moscata, pepe nero

Pulire i carciofi ricavando solo i cuori, tagliarli a spicchi e gettarli in acqua acidulata con succo di limone.
In una padella mettere un cucchiaio di olio e lo spicchio d'aglio tagliato a metà, i carciofi strizzati ed un filo di acqua fredda. Coprire con un coperchio e cuocere a fuoco medio finchè i carciofi sono teneri (circa 10 minuti). A parte ho soffritto con un leggero filo d'olio i dadini di pancetta e li ho aggiunti nella preparazione con i carciofi.
Preparare nel frattempo una besciamella fluida: in una casseruolina far sciogliere il burro, aggiungere la farina e far rosolare per un minuto, mescolando: versare poco a poco il latte caldo, continuare a mescolare con l'aiuto di una frusta per evitare la formazione di grumi. Nel caso si dovessero formare i grumi basta mixare bene con il minipimer ad immersione ed otterrete un'ottima besciamella. Appena la besciamella arriva a bollore, spegnere, aggiungere della noce moscata grattugiata aggiustare di sale e pepare.
Ho messo una pentola piena d'acqua salata a bollire ed ho cotto ,poco per volta i fogli di pasta, per pochi minuti, tuffati poi in acqua fredda e messi ad asciugare su un telo pulito. ( Questo metodo abbrevia la cottura della lasagne in forno ma volendo si puo' assemblare la lasagna con le sfoglie crude, questa operazione pero' richiede una besciamella ancora più liquida o l'aggiunta di acqua calda o brodo vegetale,altrimenti otterrete delle lasagne troppo asciutte e...poco cotte!) In una ciotolina ho versato 4 cucchiai circa di pesto di pistacchi di bronte e con qualche cucchiaio di acqua della pasta e di besciamelle ho emulsionato per renderlo fluido.
Imburrare una pirofila e disporvi il primo strato di sfoglie, e distrubuirvi sopra qualche cucchiaio di besciamella, poi aggiungere un terzo dei carciofi con i dadini di pancetta ,dadini di scamorza ,una spolverata di parmigiano grattugiato.Sovrapporre un altro strato si sfoglie e cospargerle di due o tre cucchiai di beschiamelle più uno o due cucchiai del pesto preparato in precedenza, continuare alternando gli strati, fino ad esaurimento degli ingredienti. L'ultimo strato coprire con tutta la besciamelle , parmigiano e fiocchetti di burro.Infornare a 220 gradi per 20/25 minuti, fintanto che la parte superiore della lasagna diventi dorata.




Version française
Lasagne ai carciofi e pesto di pistacchi di Bronte
Lasagnes aux artichauts et au pistou de pistaches de Bronte

INGREDIENTS pour 8 personnes:
12 feuilles de pates de lasagne
Un petit bouquet d’ artichauts violets ( plus au moins 6 petits)
200g de “scamorza” fumé (fromage italian) ou à defaux de la mozzarella
100g de lard fumé
Un petit pot de pistou de pistaches de Bronte
Huile d’olive
Un ail
Pour la brechamel : 50g de beurre/ 50 g de farine/ 700 ml de lait/ sel noix de muscat/ poivre
Nettoyer les artichauts pour n’utiliser que les coeurs. Les couper en morceaux et les mettre dans une eau bouillante rendue un peu acide par du jus de citron.Dans une poele mettre une cuillère d’huile, l’ail coupè en deux, les coeurs d’artichauts essorés et un filet d’eau froide. Couvrir et laisser mijoter jusqu’à ce que les artichauts deviennent tendres ( 10 mm). A part j’ai rissolé dans un filet d’huile le lard en morceaux que j’ai ajouté à la cuisson des artichauds.Pendant ce temps là, preparer une bechamel fluide: dans une casserole, faire fondre le beurre, ajouter la farine et faire rissoler une minute, en mélangeant; puis diluer peu à peu le lait chaud en se servant du fouet pour amalgamer et eviter les grumeaux.( au cas où cela se produit, mixer avec le minipimer à immersion pour un excellent résultat!). A partire du moment où la besciamelle commence à bouillir, eteindre le feu et ajouter la noix de muscat grattée, sel et poivre.Préparer de l’eau salée bouillie pour y plonger les feuilles de pâtes à lasagne, ce passage doit être fait lentamente une feuille à la fois puis les feuilles seront posées sur un torchon propre pour s’egoutter ( ce procédé permet de diminuer le temps de cuisson mais si vous le desirez, vous pouvez procéder avec les feuilles de pâtes crues mais pour garantire un bon résultat vous devrez avoir soit une bechamel très liquide, soit un bouillon chaud sinon vous courez le risque que vos lasagnes soient peu cuites et trop sèches!)


Dans un récipient j’ai mélangé 4 cuillères de pistou de pistache de Bronte avec quelques cuillères d’eau des pâtes et de bechamel. J’ai mixé le tout pour obtenire une sauce fluide.Beurrer le plat à four et disposer la première couche de feuilles de lasagne. Distribuer quelques cuillères de bechamel, un tier des artichauts et des morceaux de lard fumé, des morceaux de scamorza fumé et un peu de parmesan par dessus tout. Recommencer la meme opération, cette fois en ajoutant à la bechamel un peu de sauce au pistou préparé auparavant, continuer de la même manière que pour la première couche jusqu’à la fin des ingrédients. La dernière couche doit se terminer avec une bonne dose de bechamel, un voile de parmesan e des petis morceaux de beurre. Mettre au four a 220° pendant 20/25 minutes jusqu’à ce que la pâte soit dorée.
Lasagne ai carciofi e pesto di pistachi di Bronte

martedì 14 aprile 2009

Biscottini al limone ai semi di sesamo

Biscottini al limone ai semi di sesamo
Semplici, facili e veloci sono stati i biscottini del fine settimana Pasquale con la mia famiglia.

Volevo fare solo un dolcetto senza impegno, la voglia di impegnarmi non c'era. Quello che conta é che abbiamo trascorso una Pasqua serena e normale, a momenti silenziosa. Un nostro costante pensiero a chi non ha potuto!

Biscottini al limone ai semi di sesamo

Per sei persone

2 tuorli
100 g di zucchero
120 g di burro
240 g di farina
1/2 bustina di lievito per dolci
il succo di un limone non trattato
un cucchiaio di semi di sesamo
la buccia grattuggiata di un limone non trattato

In una ciotola mescolate i tuorli con lo zucchero e la buccia grattuggiata del limone. Mescolate vivacemente e aggiungete il burro fuso e tiepido. Poi aggiungete la farina setacciata ed il lievio ed infine i semi di sesamo. Lavorate l'impasto con un cucchiao di legno e poi con le mani, formate una pall e lasciate riposare in frigo per un ora.

Accendete il forno a 180°C. Prendete l'impasto e formate delle piccole palline, circa 16, posarle sulla placca del forno rivestita di carta apposita e appiatitele leggermente. Infornate per 12 minuti. All'uscita del forno spennellateli del succo del limone, ancora caldi. Lasciteli rafreddare su una griglia, circa 30 minuti, prima di gustarveli con un buon tè caldo o una tisana rilassante
.


Biscottini al limone ai semi di sesamo


Version française


Petits gateaux au citron et aux graines de sesame

recette prise sur Le Journal de Femmes et adaptè pour moi même

Pour 6 personnes
2 jaunes d'oeuf
100 g de sucre en poudre
120 g de beurre
240 g de farine
1/2 sachet de levure chimique
le jus d'un citron
un càs de graines de sesame
le zeste d'1 citron non traité.


Dans un saladier, mélanger les jaunes avec le sucre et le zeste. Fouetter vivement, puis ajouter le beurre fondu.Bien mélanger, ajouter farine , levure et les graines de sesame. Bien mélanger à la cuillère en bois puis avec les mains pour former une boule.Filmer et réserver au frais 1 h.
Allumer le four thermostat 6, 180°C. Former de petites boules avec les mains et les déposer sur une plaque recouverte de papier cuisson, les aplatir légèrement.Enfourner 12 minutes.

Les sortir du four et les badigeonner de jus de citron avec un pinceau, alors qu'ils sont encore chauds. Laisser refroidir sur une grille, jusqu'à ce que le dessus soit bien ferme et tout le jus de citron absorbé (environ 30 minutes).
Biscottini al limone ai semi di sesamo

venerdì 10 aprile 2009

Piccole margherite in silenzio

margherite



E' difficile in questo momento scrivere parole di auguri......il vuoto!!!.Una sensazione di impotenza, una voglia di essere li' per incoraggiare, per sostenere e coccolare, bimbi, donne, uomini,nonne e nonni, gente che non ha più una casa, mancano di tutto, privi delle loro cose più intime e alcuni, purtroppo tanti, anche degli affetti più cari. Lo sconforto é troppo grande. Sono riuscita, a mala pena, nei giorni scorsi, a scrivere un solo post con una ricetta, dopo il disastro ora non riesco neanche a starci vicino ai fornelli per una semplice minestra. Nel mio cuore non sarà una Pasqua uguale alle altre, sono certa anche per tutti voi.


Vi lascio il mio saluto affettuoso e che possiate tutti trovare serenità nei prossimi giorni e trascorrere in pace con i vostri cari momenti di normalità.





Version française

Margherita con fiori di tarassco
Je suis extrêmement touché par les événements survenus dans les Abruzzes. Ces jours ci, j'ai pensé aux gens qui n'ont plus leurs maisons et malheureusement ni même leurs proches à leurs côtés. C'est une Pâques différente des autres!

Je vous souhaite mes meilleurs voeux et passer de moments sereins et de paix avec vos proches.

Si è verificato un errore nel gadget