mercoledì 9 giugno 2010

Beurrecks con pisellini,pancetta,formaggio e dragoncello

Beurrecks con pisellini,pancetta e formaggio fresco profumati al dragoncello
Version française de la recette en bas
I Beurreck sono degli involtini di origine turca preparati con fogli di pasta brick e farciti con del formaggio feta o altro formaggio morbido. Sono deliziosi per la loro presentazione , facilissimi da realizzare e usando la fantasia ci si puo' sbizzarrire nella farcitura. Buonissimi con del formaggio filante, tipo scamorza, con pomodori semi secchi e anche con tonno. Io ho pensato di dedicarli a questa primavera dall'aria autunnale che lascierà presto il posto all'estate ( sempre che abbia voglia di farsi avanti con il suo caldo sole) Li ho farciti con dei pisellini profumati ad un'erba aromatica poco presente nella cucina italiana, molto invece in quella francese. Io adoro mescolare quest'erba profumata nell'insalata.
Il dragoncello é una pianta aromatica che ricorda l'anice ed il sedano , nella cucina francese é ricorrente nelle omelette , nella senape e nelle zuppe e per aromatizzare dei formaggi morbidi. E', inoltre una delle erbe che compone le più famose  "herbes de Provence" e la salsa bernese. Come la maggior parte delle erbe aromatiche ha delle proprietà benefiche antiossidanti da non sottovalutare, il solo problema é che non ne mangiamo abbastanza perché questi siano efficaci sul nostro organismo.

Beurrecks con pisellini,pancetta,formaggio e dragoncello
Ingredienti per 4 persone
  • 6 fogli di pasta brick
  • 100 g di fomaggio morbido tipo Philadelphia
  • 200 g di piselli cotti
  • 100 g di pancetta
  • 1 spicchio d'aglio
  • 12 foglie di dragoncello
  • 2 cucchiai d'olio evo
  • pepe nero macinato fresco 
Tritate fino l'aglio e tagliate la pancetta a pezzetti. In una padella versate l'olio e fate dorare l-aglio e la pancetta. Mescolate i piselli con il formaggio e versatevi l'aglio e la pancetta, aggiustate di sale, del pepe e 6 foglie del dragoncello tagliate fini. Spennellate i fogli di pasta brick con olio e tagliatele in due, farciteli con il preparato prededente e realizzate dei cilindri,(1 cm di diametro e 10 di lunghezza),aggiungete una foglia di dragoncello nell'ultimo giro del foglio di pasta. Se necessario tagliate la parte eccedente di pasta dai due lati con delle forbici.Disponeteli su teglia rivestita di carta forno e infornateli in forno preriscaldato a 210°C. per 10 mn. Serviteli caldi.
 (Da un'idea di Elle à Table 2003)
margheritamargheritamargherita


Beurrecks con pisellini,pancetta e formaggio fresco profumati al dragoncello
Version française

Beurrecks au petits pois,pancetta, fromage frais et estragon
Ingrédients pour 4 personnes
  • 6 feuilles de brick
  • 100 g de fromages frais( Saint Mores ou 2 Carrés frais)
  • 200 g de petits pois cuits
  • 100 g de pancetta ( charcuterie italienne à base de poitrine de porc salée, poivrée et séchée)
  • 1 gousses d'ail
  • 12 feuilles d'estragon
  • 2 c s d'huile d'olive
  • poivre noir du moulin
Hachez la gousse d'ail. Coupez la pancetta en petits morceaux. faites-les revenir ensamble dans l'huile d'olive jusqu'à ce que l'ail et la pancetta soient dorés. Mélangez le fromage frais, avec les petits pois, l'ail et la pancetta. Ajoutez 2 pincées de sel 1 tour de moulin à poivre et 6 feuilles d'estragon ciselé. Huiles les feuilles de brick à l'aide d'un pinceau. Coupez-les en deux. Réalisez des petits cylindres de farce d'environ 1 cm de diamètre et de 10 cm de long. que vous enroulerez dans les demi-feuilles de brick en ajoutant une feuilles d'estragon entier. Découpez si besoin les excédents de feuilles de brick avec des ciseaux. Enfournez 10 mn. à 210°C. (th 7). Servez les beurrecks chauds.
Recette prise sur Elle à table 2003 et adapté par moi même.

24 commenti:

ilcucchiaiodoro ha detto...

Che ricetta!!! davvero sfiziosa e stuzzicante,ma questo tipo di pasta dove si compra? Esiste magari una ricetta per farsela in casa?

Serena ha detto...

WOW, ma questa famosa pasta brik dove la trovi?? Io non l'ho mai incontrata da nessuna parte...Se poi la si riempie con la feta, il mio formaggio preferito, allora addio...parto per il paradiso!

Genny G. ha detto...

ecco.ora mi manca che esco pazza anche per la brick:DDD

viola ha detto...

ricetta interessante...anche per la presenza del dragoncello che ho piantato quest'anno ma non conosco moltissimo....quindi sono alla ricerca di abbinamenti che funzionino!
Proverò il tuo e magari come dici tu proverò a metterlo nelle insalate...
Grazie...

Onde99 ha detto...

Questa preparazione ha un aspetto molto appetitoso e croccante. Purtroppo, non ho mai avuto occasione di assaggiare piatti aromatizzati al dragoncello e qui non si trova...

Marjlou ha detto...

Sono davvero meravigliosi!
Complimenti: stupende le foto e ottima la ricetta!

Blueberry ha detto...

Vado matta per gli involtini e questo è fantasticooo!! ma dove diavolo la trovo la pasta brick? devo assolutamente averla!!! Poi cotti al forno anzichè fritti sono più leggeri e se ne possono mangiare di più :-P

Gloria ha detto...

Pensavo che questi "involtini" fossero fritti e invece no, quindi non ci sono scuse per non cercare la pasta brick e rifarli! Il dragoncello l'ho trovato e provato qualche volta e mi è piaciuto un sacco!

manuela e silvia ha detto...

Ciao! prorpio sifziosi questi involtini! ma la pasta brick potremmo sostituirla con la phillo?!
Ci piace moltissimo il tuo ripieno, ma anche le altre varianti che proponi!
ottimi e divertenti per l'estate!
un bacione

Oxana ha detto...

Ooooh, grazie, Patrizia, stavo proprio cercando qualche ricetta con la pasta filo e ho anche il dragoncello;)))
Un bacione, bella!

Barbara ha detto...

adoro le brique le faccio spesso in tutte la salse soprattutto fritte con uovo cipollina e capperi! non vedo l'ora di provarle!! un abbraccio e a presto! barbara

terry ha detto...

che belli e che buoni!!!
adoro il dragoncello poi... in terrazza sta crescendo una meraviglia!!!:)
proverò questi sigari:)))

Elga ha detto...

La pasta brick qui è introvabile ma la sostiuisco con la phyllo, va bene? Ne mangerei a quattro ganasce, come si usa dire qui, straordinari!

Luca and Sabrina ha detto...

Non li avevamo mai neppure sentiti nominare, ma l'occhio è rimasto straordinariamente colpito e andando a leggere il tutto ne siamo rimasti conquistati. Noi abbiamo la pasta phyllo surgelata, potremmo benissimo usare quella!
Un abbraccio
Sabrina&Luca

Giulia ha detto...

Ottima versione, cara Patrizia! Molto fresca e saporita nello stesso tempo!
Un abbraccio

Rosa's Yummy Yums ha detto...

Mmmhhh, les böreks c'est trop bon! J'aime beaucoup cette garniture originale.

Baci,

Rosa

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

Ma che bellini! Non ho molta confidenza con la pasta brick ma mi inviti a provare :-)
Bacioni

maria ha detto...

ciao Patrizia, questa è la prima volta che lascio un commento anche se ti seguo sempre; mi piace il tuo sito perchè oltre alle ricette fai una descrizione così delicata che sembra una poesia; un abbraccio
adele

UnaZebrApois ha detto...

sono squisiti!!!Non sapevo "borek" si scrivesse così...ne vado matta!!!Non sai quanti kg di queste delizie mi sono mangiata!!!belli belli belli!!!

Bridge ha detto...

Belle recette, merci beaucoup pour le partage !!

Mariluna ha detto...

Grazie a tutti per i vostri commenti carinissimi :)...

Grazie mille@Adele per esserti manifestata ^^

@Zebra...il nome beurrechs é la francesizzazione dell'originale, sai qui i francesi cambiano tutto a modo loro ,questo mi suonava simpatico :))Grazie!

@Serena, la pasta brick si puo sostituire con quella phillo anche se é molto più delicata e fragile a maneggiare percio' fare attenzione quando si rotolano, ma saranno buonissimi lo stesso. Grazie:)

@Ilcucchiaiodoro...so' che la si puo' fare in casa ma procedimento abbastanza delicato perché lo spessore é molto sottile, quindi si fà prima ad acquistarla ma se vuoi farla...magnifico é un'ottima idea!!!sul web si trova senz'altro la ricetta!!!grazie^^

ilcucchiaiodoro ha detto...

Grazie mille cercherò sul web!

Milena ha detto...

Conoscevo solo la pasta phillo, ma non la brick: questi involtini sono delicatissimi.
Ti leggiamo puntualmente con affetto, senza badare alle visite: un bacione :)

Corso di cucina professionale ha detto...

Il dragoncello (o estragon) è un'erba molto versatile, utile in tante situazioni e la proponiamo spesso durante i nostri corsi.

Peccato che sia difficile da trovare fresca ed in molti paesi l'unica è coltivarsela direttamente.

Vale la pena di cercarla, però :)

Si è verificato un errore nel gadget